02-04-2004

Egregio gruppo medico scentifico, chiederei

Egregio gruppo Medico scentifico, chiederei assistenza, in merito al seguente caso tumorale che interessa mio padre, età 75 anni. Ecco i dettagli refertati dalla Tac del 18-06-03:
Studio del Prof. Guido Politi, Specialista in Radiologia Università di Catania, Specialista in Oncologia Università di Roma. TC TORACE E MEDIASTINO: L'indagine è stata eseguita in basale e ripetuta dopo somministrazione di Mezzo di contrasto per via endovenosa. Si apprezzano degli esiti fibro-calcifici specie sul versante posteriore dell'emitorace di DX in prossimità dello sfondato posteriore con emitorace DX livemente ipoespanso rispetto al SX e con conseguente deviazione verso DX dell'ombra mediastinica. Non alterazioni a carico del mediastino; in particolare di aspetto regolare appare la trachea ed i grossi bronchi. Formazioni ilari a struttuta prevalentemente vascolare. La documentazione per il parenchima polmonare non mette in evidenza lesioni aventi carattere di attività. Arco aortico lievemente ectasico con calcificazione ateromasica a livello delle sue pareti. TC ADDOME: L'indagine è stata eseguita in basale dopo somministrazione di mezzo di contrasto per os e ripetuto dopo somministrazione di mezzo di contraso per via endovenosa. Il fegato appare di volume aumentato specie a carico della piccola ala che presenta densità disomogenea per la presenza di multiple lesioni focali di varie dimenzioni che si localizzano prevalentemente al secondo e terzo segmento epatico. Altre lesioni focali del diametro medio di 3 cm, sono apprezzabili a livello del quinto e ottavo segmento epatico. Parziale trombosi della Vena porta a livello della congruenza con la vena splenica e mesenterica superiore. Colecisti non apprezzabile (colecistectomizzato). Presenza di grosso processo espansivo a partenza verosimilmente dalla Milza che si estende sul versante infero-antero-laterale dell'addome interessando anche il corpo e la coda del pancreas nonchè la parete infero-laterale dello stomaco resecato ed in basso è posteriormente raggiunge lo spazio para-renale anteriore di SX.
Il suddetto processo espansivo misura cm 14 X 12 circa e presenta densità disomogenea per la presenza di aree di necrosi nel contesto. Linfonodi aumentati di volume del diametro medio di 1 cm, sono apprezzabili in sede retro-peritoneale. Presenza di piccola formazione cistica in sede medio-renale posteriore DX del diametro massimo di 3 cm. Ambedue i reni eliminano normalmente il mezzo di contrasto. Nulla da rilevare a carico degli ureteri. Vescica a contorni regolari, vescicole seminali di volume lievemente aumentato a densità conservata. In sede retro-vescicale si apprezza verosimilmente un versamento organizzato.
Prostata con uretra prostatica lievemente dilatata in rapporto al pregresso intervento chirurgico. Calcificazioni ateromasiche sono apprezzabili a carico delle pareti dell'aorta lombare nonchè a carico delle pareti delle arterie iliache e femorali. Conclusioni: Presenza di grosso processo espansivo (sarcoma?) a partenza verosimilmente dalla milza che si estende verso il pancreas e la parete infero-laterale dello stomaco con localizzazioni secondarie specie a livello della piccola ala epatica. A tal proposito ed in seguito a quanto suscritto, chiedo se si potesse trovare una soluzione relativa al caso. Resto in attesa di risposta invio cordiali saluti. Antonio.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Non è chiara la situazione attuale del paziente, di cui viene riportata solo una TAC del Giugno 2003. In considerazione del referto radiologico appariva consigliabile l’esecuzione di una valutazione istologica mediante esame bioptico (eco o TAC guidato) della lesione descritta prima di ogni eventuale ulteriore decisione.
TAG: Oncologia | Tumori
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!