Gentile dott. le chiedo cortesemente alcuni chiarimenti in merito a un problema che mi porto dietro da ormai quasi 2 anni e che non sono riuscito a farmi chiarire da tutti i medici che ho interpellato. il mio problema ha inizio nell'estate 2003. all'improvviso incomincio ad accusare dei dolori lancinanti nel basso ventre e parlando con il mio... Leggi di più personal trainer mi suggerisce di farmi visitare da un medico perché poteva trattarsi di 1 Infiammazione dei linfonodi. io incomincio ad andare nel panico perchè allora da inesperto l'unico collegamento che sapevo dare ai Linfonodi era l'aids. allora faccio il test hiv con risultato neg. ma intanto continuo a tastarmi insistentemente nella zona inguinale ascellare e lateroc con l'Ansia di trovare questi maledetti linfonodi ma non li trovavo né io né il mio medico ma intanto per mesi io continuavo a tastare quelle zone, morale della favola i dolori lancinanti aumentavano e ancora oggi a quasi 1 anno che cerco di non tastarli ogni tanto mi arrivano delle fitte specialmente nella zona ascellare e specialmente qundo sono particolarmente nervoso. premetto che tutti gli esami di laboratorio sono senpre stati nella norma tranne una volta il complemento c4 leggermente alterato. ARRIVO FINALMENTE ALLA DOMANDA: è POSSIBILE CHE TUTTI QUESTI DOLORI SIANO ATTRIBUIBILI ALL'ECCESSIVA STIMOLAZIONE DA PARTE MIA PER TROVARE QUESTI LINFONODI O IL DOLORE AI LINFONODI E SEMPRE DA ATTRIBUIRE A FENOMENI INFETTIVO-INFIAMMATORI, E TRA L'ALTRO IN CASO DI UN EVENTUALE INTERESSAMENTO NEOPLASTICO I LINFONODI CAMBIANO NECESSARIAMENTE DI VOLUME O POSSONO ESSERE SOLO DOLENTI COME NEL MIO CASO? LA RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE PER L'INTERESSE E LE AUGURO UN BUON NATALE.