31-03-2006

Gentili dottori, dopo avermi diagnosticato

Gentili dottori, dopo avermi diagnosticato un'Epatite autoimmune, di primo tipo, mi è stata data la seguente cura: deltacortene 50mg (inizio) da scalare di 5mg ogni 2 settimane, Antra per lo Stomaco, e 3 cp di Deursil. Ora sono a 10 mg di Cortisone al dì. Io non ho mai accusato stanchezza, ma prurito... SI! Solo la sera tardi a letto. A inizio cura era sparito, e purtroppo, abbassando il cortisone, è tornato. Le analisi pero' vanno bene. Il prossimo mese arrivero' alla dose di 7,5 mg, e il Dott mi ha parlato della possibilità di inserire l'azotoprina, dicendomi pero', che necessita alzare di nuovo la dose del cortisone, per poi di nuovo scalarla, perchè mi spiegava, il nuovo farmaco impiega un po' ad attivarsi. Sono demoralizzata, non ho brutti sintomi, eppure sono costretta a prendere ogni giorno farmaci, oltre tutto, il cortisone gonfia tantissimo! Sarà così tutta la mia vita?
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Non è detto che debba assumere cortisone a vita, in quanto in taluni casi si ottiene una remissione che si manitene anche dopo la sospensoine dle coritsone. Purtroppo l’unico modo per saperlo è verificare ciò mediante successivi tentativi.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna