Gentili dottori, mi presento sono un ragazzo di 23 anni , che studia fuori sede in Toscana ormai da 5 anni, scusatemi se sono cosi insistente ma ho una tremenda paura vi prego aiutatemi, forse la tremenda paura che non mi lascia vivere ormai da un mese a questa parte, ho letto tanto su di voi in questi giorni(in positivo) ed è forse stato questo... Leggi di più l'elemento principale per cui mi ha spinto a scriverle. Le racconterò in breve la mia storia, che è simile a quella di tanti ragazzi/uomini di ogni età, purtoppo circa un mese fa anzi proprio lo scorso 3 gennaio appena tornato dalle vacanze natalizie, forse complice la solitudine ma soprattutto una mia debolezza che spero non mi abbia portato a rovinarmi la vita per sempre, sono stato da una prostituta che mi ha praticato per fortuna o per sfortuna (mi creda che ancora non lo so) un rapporto orale passivo, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE un RAPPORTO ORALE PASSIVO NON PROTETTO.Il Rapporto è stato abbastanza profondo, anche se devo dire mi son lasciato trascinare da questa ragazza cinese perchè mi era sembrata molto accorta alla pulizia, dato che prima dell'atto mi ha pulito con dei fazzolettini puliti il glande in ogni suo punto, forse anche perchè mi era rimasto in profondità del magma spermatico di precedenti rapporti tutti protetti con partner abituali.Premetto inoltre cari dottori che era per me la prima volta che andavo con una prostituta, ho sempre avuto relazioni stabili e pulite nel senso morale del termine. I problemi iniziarono dopo 3 giorni circa e da li fu un' escalation di episodi che andarono a peggiorare, dapprima ebbi la comparsa di una macchia rossa sulla cute esterna del pene nella parte iniziale, alchè pensai subito ad una micosi ed in effetti il mio curante cosi mi disse e mi liquidò con una crema l'Impetex, poi da li si trasferi questo rossore sulla base del glande ed anche nella zona più profonda dopo diversi giorni notai una macchia brunastra dissimile dalle altre.Intanto parallelamente si manifestarono i primi brutti sintomi che mi iniziarono a far pensare a qualcos'altro, iniziai ad avere gonfiori linfonodali ad ogni parte del corpo quasi,collo (questo dopo 7-8 giorni dall'episodio) con dolori latero-cervicali, dolori dietro le orecchie ma soprattutto dopo 10giorni delle fitte terribili che persistono ancora oggi anche se in maniera più attenuata all'inguine e che allo stato attuale si sono estese all'interno coscia. Febbre quasi assente tranne 2 giorni a 37,5. Le premetto inoltre che ho girato urologi, andrologi, ed a d oggi son in cura nel centro delle malattie infettive della città in cui studio (Pisa) da una dottoressa molto umana che ha cercato di rassicurarmi dicendo che il rischio hiv era basso. Mi ha prescritto degli esami tra cui il test a distanza di 15 giorni dall'episodio e prima di iniziare la cura antibiotica questi esami son risultati tutti negativi (clamidia,gonorrea epatiti,hiv) poi dato che il dolore aumentava e non potendo fare il tampone uretrale in tempi celeri mi ha prescritti il Rocefin in un'unica soluzione e poi per 3 settimane il Bassado per eliminare qualsiasi batterio mi aveva detto. Questa dottoressa mi ha visitato 2 volte prima ed ad inizio cura, ah dimenticavo feci anche degli esami del sangue prima di iniziare la cura i cui valori risultarono alterati soprattutto i neutrofili ed i linfociti anche se non di moltissimo, lei aveva sospettato un linfogranuloma venereo ma il mio problema non riguarda solo l'inguine ma anche il collo e l'ascella destra, ho dolori dietro le orecchie nonostante 20 giorni di cura antibiotica com'è possibile non me lo spiego dottore ancora l'inguine e dolente ed ho difficoltà a camminare i linfonodi son un pò gonfi, mi rivolgo a lei dottore io ho paura di un mostro chiamato HIV che potrebbe cambiarmi la vita rovinarmela per sempre insieme a tutti i miei sogni ed a quelli dei miei genitori per una stupidaggine durata 5 minuti, non so più cosa fare dottore ho sentito la dottoressa che mi rivisiterà tra una settimana ma alla luce di ciò che le ho detto lei cosa pensa? Non ho visto sangue evidente, è possibile che sia stato contagiato e come mai dopo 20 giorni di antibiotici sono ancora in questo stato? Inoltre aggiungo che è da ieri mattina che mi è iniziata una brutta faringite, con dolori alle orecchie tipo otite (a prescindere che ho ancora un tappo di cerume all’orecchio sinistro che mi avevan detto di togliere tempo fa e che ancora non ho fatto ed è quello che mi fa più male) ed anche sotto il mento ma soprattutto la gola, in passato ho sofferto di mal di gola ma ora sembra tutto accentuarsi tutto insieme tremendamente. Vi prego aiutatemi anche se solo verbalmente mi consigli lei cosa posso fare come muovermi, dato il mio status di cose.Certo di una vostra risposta vi chiedo aiuto su come muovermi, inoltre ho già ricontattato la dottoressa del centro con cui ho appuntamento giovedi prossimo perché mi vuole rivedere a seguito della mia sintomatologia, voi cosa ne pensate? AIUTATEMI sto tremando di paura, anche perché oggi il mal di gola è aumentato ed ho difficoltà anche a deglutire,oltre al mal d’orecchie, spero solo che Dio mi dia un’altra possibilità per non errare più.Domanda