19-07-2018

Gonfiore e bruciore ascelle

Buongiorno, ho 42 anni e da circa un mesetto ho il seguente problema. Dopo due cerette forse troppo ravvicinate mi sento un fastidio e bruciore alle ascelle (quella dx in particolare). Sono andata dal medico di base che mi ha dato antibiotico e antiffiammatorio per una settimana.. non è cambiato molto. Poi ho visto la ginecoloca che mi ha parlato di idrosadenite. Sono andata anche all'ospedale dove mi hanno fatto analisi del sangue (tutte a posto) e mi hanno mandato dal dermatologo. Il dermatologo ha parlato di dermatite e mi ha dato una pomata per 15-20 giorni... Il fastidio continua.. E' sopportabile ma non sono tranquilla... Domani ho anche fissato un'ecografia cavo ascellare e seno... Giusto per mettermi il cuore in pace. Tutti mi dicono che come sempre, essendo ipocondriaca, sto esagerando con sintomi e visite... La mia domanda è: ma se avessi delle ghiandoline gonfie e così lungo il processo di ritorno alla normalità?.. Vi ringrazione per la risposta.

Risposta di:
Dr. Corrado QuadriniDottore Premium
Specialista in Dermatologia e venereologia e Psicologia e Psicoterapia
Risposta

Dalla descrizione parrebbe un inizio di idrosadenite. Se farà a breve un'ecografia, questa dovrebbe chiarire il quadro. Non si depili più con cerette, scelga eventualmente il laser o la luce pulsata. Ovviamente se ci sono delle ghiandole in flogosi o già delle cisti ascellari infiammate occorrerà passare ad un antibiotico. Cordialità Corrado Quadrini

TAG: Adulti | Arti superiori | Biochimica clinica | Dermatologia e venereologia | Ghiandole e ormoni | Ginecologia e ostetricia | Infiammazioni | Pelle | Radiodiagnostica | Salute femminile