Salve, sono un ragazzo di 22 anni. Circa 4 mesi fa ho notato, sull' estremità sinistra del palmo della mano, una piccolissima (circa 1mm di diametro) protuberanza sottocutanea di colore rossastro/rosa scuro vivo. Non dava alcun tipo di dolore. Con il tempo la protuberanza si è ingrossata ed è aumentata sia in larghezza ( ora circa 5 mm) che in altezza, mantenendo sempre la stessa colorazione rosso vivo e dando sempre la sensazione alla vista di stare "al di sotto" del primo strato di pelle. Inoltre, crescendo, ha iniziato a presentare un bordo piuttosto definito ( simile al cratere di un vulcano ) e sanguinare anche in seguito al minimo contatto. Ho consultato un dermatologo il quale mi ha diagnosticato, tramite osservazione al dermoscopio, un granuloma piogenico da trattare con crioterapia con azoto liquido. Pur avendo piena fiducia nella competenza e nella persona del dottore che mi ha visitato, sono un po' preoccupato in quanto non mi è stato richiesto un esame istologico, il quale, invece, ho letto essere necessario per confermare la diagnosi. Volevo chiedere se, alla luce di quanto riferito, è plausibile la mancata richiesta di un esame istologico. Grazie anticipatamente per la cortese attenzione.