Ho 35 anni, in passato ho sofferto di attacchi di panico, che ormai sopraggiungono solo raramente.Il mio gastroenterologo, che mi cura per esofagite cardiale, da due anni mi consiglia di fare sport.Nel mese di ottobre, avendo avvertito affanno e palpitazioni durante footing, su prescrizione del suddetto, mi sono sottoposta ad ECG normale e da... Leggi di più sforzo.Referto del primo:Tempo PR (PQ) 100/mincomplesso QRS :Ritardo minore di conduzione intraventricolare destraCardiopalmo e dispnea occasionale durante sforzo Già in appuntamento x ECG da sforzoE.O. cardio(?) normaleP.A. 125/70 mReferto del secondo:Interrotto per buona tolleranza allo sforzoconclusioni: T.E. negativo per ischemia miocardica o aritmia da sforzoNormali le curve cronotrope e pressorie. Discreta tolleranza allo sforzo.Ho deciso di iscrivermi in palestra, il medico generico mi ha rilasciato certificato, ma previo ok del cardiologo.Ottenuto il nulla osta dal mio gastroenterologo (che è specializzato anche in cardiologia), il medico generico, comunque, mi ha detto di farmi controllare ogni tanto, cosa che non ha detto nè il primo nè il cardiologo che ha eseguito gli ECG.Mi trovo in una situazione imbarazzante, dal momento che i controlli dovrei farli nella struttura di cui il suddetto specialista (che mi conosce da 36 anni!)è il responsabile, non mi ha detto nulla a riguardo e, se prendessi iniziative su ordine del medico generico, rimarrebbe molto male.Io, comunque, sono una persona ansiosa ma sono un pò preoccupata, atteso che in questo periodo avverto bruciori e lievi dolori anche nella parte sinistra del petto.Secondo Voi posso stare tranquilla e fare sport ?Sarebbe il caso che mi facessi controllare?Vi ringrazio fin d'ora della cortese risposta, scusandomi di non essere stata molto sintetica.Maria Piaciao