Ho 41 anni e dall' età di 10 anni che ho un ciclo mestruale molto doloroso. Il dolore nel tempo è rimasto costante, sempre molto intenso ma mai peggiorato. L'unico farmaco che riesce a controllarlo, da sempre, è il decloreum, fiale intramuscolari (ne faccio uso da quasi 20 anni). Un mese fa circa (con estremo ritardo me ne rendo conto), stanca di sentirmi invalidata x 2 giorni al mese, ho deciso di rappresentare il problema a un ginecologo. Non sono sposata e non ho figli. In occasione della visita, anzi già prima di eseguirla, il ginecologo mi ha detto che con molta probabilità sono affetta da endometriosi, e che con molta probabilità sarei anche sterile. Mi ha detto che la soluzione del problema è esclusivamente chirurgica e che il dolore lo si può eliminare con l'induzione della menopausa, anche in considerazione della mia età. Il tutto senza nemmeno peritarsi di eseguire un'ecografia, che ero disponibile ad eseguire, e che peraltro avevo già pagato (detta visita l'ho eseguita in ospedale). Mi ha prescritto la risonanza, l'ecografia transvaginale che non ha voluto eseguire, e l'eco trans rettale. Sentirmi dire che forse sono sterile è stato orribile, così come parlare di induzione della menopausa, anche se ho 41 anni mi piacerebbe avere almeno 1 figlio. Detto questo, vorrei sapere se il dolore mestruale, di cui soffro da quando avevo 10 anni, può essere causato solo dall'endometriosi (vista la convinzione del medico che mi ha visitata) e se dall'ecografia già si evidenzia la malattia o è indispensabile la RMN. Aggiungo solo che durante il resto del mese non ho dolori addominali, sono regolare, non ho perdite ematiche, ne vaginali ne rettali, non provo alcun genere di dolore durante i rapporti e non soffro di cistite.