01-02-2006

Ho effettuato da poco un ecocardiogramma e le

Ho effettuato da poco un Ecocardiogramma e le conclusioni sono nei limiti della norma. riporto alcuni valori dell'esame monodimensionale che mi pongono delle perplessità e pongo la domanda:
aorta 32.7 (v.n. 20-37)
atrio sin 41.8 (v.n. 5-38)
spess setto 12.2 (v.n. 8-11)
spess. par. post. 10.9 (v.n. 6-11)
ecocardio bidimensionale: nell'Aorta risultano placchette calcifiche parietali e cuspidi ispessite. il ventr. sin. normo dimensionato ha una ipertofia concentrica lieve con prevalente interessamento settale. la contrattilità e normale
l'Atrio sin è dilatato lievemente. I settori di dx sono nella norma. Questi valori, fuori dalla norma, che valore significativo hanno nella funzionalità ottimale dell'apparato. Come posso riportare nella norma gli stessi, qualora fosse possibile. quali rischi sono presenti o incombenti. Sono una persona alta 1.76 cm e pesa 99 kg normo distribuiti. Ho praticato sport amatoriale da molti anni (bici, sci, nuoto), ora meno, ma tre volte alla settimana effettuo 1 ora o 50 minuti di camminata impegnativa sul tapis roulant. aggiungo che, a breve, dovrei effettuare un holter pressorio per verificare se l'aumento recente della mia pressione è temporaneamente legata a fattori contingenti di stress oppure ad un rapporto di ereditarietà familiare. i valori oscillano tra 140/50 - 85/99. dimenticavo di dirvi che un esame ecocolor - doppler recente non presenta rigurgiti patologici con flusso transaortico regolare. Non fumo e non bevo super-alcolici. Mi scuso per la pignoleria, ma sarei grato di una vostra risposta ringraziando anticipatamente. Cordialmente vi saluto.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
I dati ecocardiografici appena alterati sono la lieve ipertrofia ventricolare sinistra ed il lieve aumento e delle dimensioni dell’atrio sinistro. Sono modificazioni molto modeste e di frequente riscontro ma che devono rinforzare l’indicazione alla correzione del suo discreto sovrappeso che probabilmente condiziona anche l’aumento della pressione arteriosa su cui sta indagando. Una dieta ipocalorica sarebbe utile per un congruo calo ponderale, meglio se ricca di frutta e verdura. L’attività fisica che già svolge è da incoraggiare.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!