19-03-2008

Il mio secondo figlio ha appena compiuto 6

il mio secondo figlio ha appena compiuto 6 mesi;circa un mese fa gli è stato fatto ecg ed ecocardiogramma per un soffio olosistoico rude udibile su tutta l'aia cardiaca. dall'eco: situs solitus, concordanza atrioventricolaree ventricolo arteriosa,levocardia.si segnalala presenza di valvola polmonare dismorfica con stenosi di grado lieve-moderato e lieve dilatazione sezionale destra. Restanti parametri morfofunzionali nella norma. Mi hanno accennato alla vavuloplastica.A fine maggio andremo al S.orsola di bologna. Volevo capirci qualcosa di più...potete spiegarmelo più semplicemente?Sono molto preoccupata..Grazie
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La valvola polmonare è una valvola situata tra ventricolo destro e arteria polmonare e consente al sangue in uscita dal ventricolo destro di passare in arteria polmonare, senza ritornare indietro in ventricolo. La stenosi (= restringimento) di questa valvola può causare un aumento della pressione all’interno della cavità ventricolare destra: questo aumento di pressione è tanto maggiore quanto più grave è il restringimento (nel caso di suo figlio, però, si tratta di una forma lieve-moderata, e non grave). Come conseguenza dell’aumento di pressione il ventricolo destro aumenta il proprio spessore di parete (= ipertrofia del ventricolo), per adattarsi al maggior carico di lavoro. Il passaggio di sangue attraverso la valvola ristretta produce il “soffio” (che è un reperto ascoltatorio ed è quello che hanno riscontrato a suo figlio). Se la stenosi polmonare è molto grave (ma fortunatamente non sembra essere il vostro caso) il bambino può mostrare i segni dell'insufficienza cardiaca. L'insufficienza cardiaca comunque è rara nell'infanzia, mentre può essere più frequente in età adulta se la stenosi non viene corretta. La stenosi valvolare polmonare può essere guarita senza intervento chirurgico: in più del 95% dei casi è possibile, per mezzo di un catetere a palloncino dilatare la valvola stenotica per ristabilire una corretta circolazione del sangue tra ventricolo destro e arteria polmonare. Questa procedura è definita valvuloplastica polmonare con palloncino e può essere eseguita anche in epoca neonatale, se il caso lo richiede. Solo quel 5% circa di casi di stenosi valvolare polmonare che non ottiene buoni risultati dalla valvuloplastica con palloncino dovrà essere sottoposto a intervento cardiochirurgico (in circolazione extracorporea, si accede chirurgicamente alla valvola polmonare e la si dilata).
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!