L’ESPERTO RISPONDE

in esiti intervento per varicocele

Buonasera ho 47 anni,circa 2 anni fà per forti dolori scrotali mi riscontrano un varicocele bilaterale,vengo operato al varicocele sx perchè più accentuato...quello dx non viene operato perchè di piccole dimensioni.dopo 2 mesi dall'intervento tornano i dolori......dopo una eco testicolare mi riscontrano un idrocele sx,dopo 4 mesi mi sottopongo ad... Leggi di più aspirazione del liquido circa 20 cc.dopo 5 mesi ritornano i dolori,rieseguo eco testicolare e si riscontra un vasto idrocele sempre sx,rieffettuo l'aspirazione e mi viene prelevato circa 25 cc,poi viene iniettato un farmaco sclerosante. circa 1 cc.dopo 3 mesi stessa cosa dolori,eco testicolare,formazione di idrocele!!!!mi sottopongo nuovamente al trattamento di aspirazione con 20 cc di liquido ,con iniezione più alta di dosaggio sclerosante,ora mi ritrovo con il testicolo sx gonfio,e il dottore che ha effettuato i trattamenti non si spiga.mi consigli lei grazie.

Risposta del medico
Dr. Paolo Piana
Dr. Paolo Piana
Specialista in Urologia

Gentile Signore,evidentemente i suoi disturbi testicolari non erano dovuti al varicocele e l'evoluzione della sua storia non fa che confermarlo. La comparsa di idrocele dopo l'intervento per varicocele è possibile, anche se non così frequente. Ci lascia peraltro assai perplessi che quanto viene giudicato un "vasto idrocele" si dimostri poi contenere "solo" 25 cc, ovvero è una quantità minima certamente non in grado di giustificare alcun disturbo... Continua ma - a nostro parere - neanche meritevole di alcun trattamento. A questo proposito è universalmente noto che se il liquido di idrocele viene unicamente aspirato per puntura, non tarderà a riformarsi ed in quantità sempre maggiore. Pertanto, se mai ve ne fossero le precise indicazioni, l'idrocele potrebbe essere risolto solo con un ulteriore piccolo intervento chirurgico (eversione della vaginale del testicolo). L'impiego di sostanze sclerosanti non è comune e comunque i deludenti risultati non rendono consigliabile proseguire in questo modo. La situazione merita senz'altro di essere rivalutata con attenzione, previa la ripetizione di una accurata ecografia. Inoltre resta da individuare quale sia vera causa dei suooi dolori scrotali, che al momento non risulta essere ancora stata ragionevolmente chiarita.Saluti

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Niente controlli alla prostata per 3 italiani su 10
Niente controlli alla prostata per 3 italiani su 10
3 minuti
Varicocele: sintomi e trattamento
Varicocele: sintomi e trattamento
4 minuti
DCA: come affrontare i disturbi del comportamento alimentare
DCA: come affrontare i disturbi del comportamento alimentare
4 minuti
Metoidioplastica per diventare uomo: come si esegue
Metoidioplastica per diventare uomo: come si esegue
3 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Urologia
Roma (RM)
Specialista in Andrologia e Urologia
Prato (PO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Andrologia e Urologia
Roma (RM)
Specialista in Chirurgia pediatrica e Urologia
Prov. di Reggio di Calabria
Specialista in Urologia e Andrologia
Cimitile (NA)
Specialista in Urologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Roma (RM)
Specialista in Urologia e Allergologia e immunologia clinica
Montevarchi (AR)
Specialista in Urologia
Pellezzano (SA)
Specialista in Urologia e Andrologia
Palermo (PA)
Specialista in Urologia
Peschiera del Garda (VR)