02-04-2008

In relazione ai nuovi studi (102 e 103) poc'anzi

In relazione ai nuovi studi (102 e 103) poc'anzi pubblicati per il trattamento dell'epatite cronica B, è in arrivo (spero) un nuovo farmaco, il Tenofovir. Occorrerà molto tempo secondo Voi perchè venga approvato anche in Europa ? Attualmente lo recupero in Svizzera a "pagamento" (costo 450,00 euro a confezione). Rispetto all'Adefovir, il tenofovir (nel mio caso) ha determinato una totale soppressione dell'HBV con metodo real-time pcr inferiore a 12 Ul, per rimanendo HBe-ag positivo. Sono in trattamento da 13 mesi e attualmente, come fenomeni avversi, ho un lieve aumento cronico delle CPK e 88 di clearance della creatinina (creatininemia 1,3 stabile). ALT sempre nella norma. Per quanto riguarda le vostre conoscenze, ritenete che in futuro possa avere la possibilità di potere sospendere il trattamento (ovvero è stato registrato in letteratura qualche caso di siero-conversione ed eventuale scomparsa anche dell'antigene S) oppure questi farmaci sono soltanto temporanei (sostituiti da futuri nuovi farmaci dopo comparsa di resistenza) e non vi è speranza alcuna di sospensione della terapia e/o di eventuale guarigione ? Vi ringrazio infinitamente per la cordiale attenzione. Alessandro Egregio.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Riteniamo che non dovrebbe tardare l’approvazione del Tenofovir anche in Italia. Tuttavia non si hanno conoscenza in merito alla sospensione del farmaco e lo riteniamo improbabile. La possibilità di effettuare una terapia temporanea per l’epatite B è per il momento solo appannaggio della terapia con interferone.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna