04-12-2012

in terapia ormonale

buongiorno,ho purtroppo un carcinoma prostatico localmente avanzato di grado G3con collegamento in vescica.Non operato, trattato con terapia ormonale Enantone 11.25mg 1 flacone ogni tre mesi e casotex 50 mg 1 cp al giorno. A settembre lieve aumento transaminasi e Gamma PSA a 1,28.Si decide di sospendere casotex e introdurre la fiala di enantone 3.75 ogni 28 giorni.Prima fiala da farsi alla scadenza dei 3 mesi dalla scadenza di enantone 11,25mg.Oggi ripeto il valore PSA e noto aumento del valore a 4,27mg. Sarebbe meglio effettuare subito la fiala di enantone o passare a radio o kemio. Riconosco di essere in una situazione drastica e con pochi mesi di vita. Chiedo cortesemente suo parere. Grazie Esposito anni 78
Risposta

Gentile Signore,

innanzi tutto la sua situazione non mi sembra affatto così drammatica come lei ci lascia intendere. Non ci è chiaro il grado della neoplasia (G3 non è verosimile), nè cosa si intenda per "localmente avanzata". Forse vuole intendere T3? D'ogni modo un PSA 4,27 non è certamente così elevato e lascia ampio spazio alla prosecuzione della terapia magari con altri mezzi. Ci chiediamo perché non si sia scelto di eseguire la radioterapia da subito. Questa potrebbe certamente avere delle indicazioni ora, ovvero si potrebbe eseguire una chemioterapia con "taxani" (Taxotere). In pratica, in questa fase l'urologo deve coinvolgere nella terapia il radioterpista e l'oncologo, od entrambi. Le consiglierei pertanto di far riferimento ad un grosso centro urologico, in cui queste professionalità siano contemporaneamente disponibili.

Saluti

TAG: Reni e vie urinarie | Urologia