L’ESPERTO RISPONDE

Infezione delle vie urinarie, come risolvere?

Buongiorno, sono una ragazza di 22 anni, dopo 3 giorni da un rapporto ho notato un leggero mal di pancia il giorno dopo, mentre oggi (quindi 3 giorni dopo) ho iniziato ad avvertire come un fastidio ad urinare, senza alcun dolore però, né perdite o odori strani. Lo stimolo a urinare è più frequente. Ho pensato ad un'infezione batterica delle vie urinarie o cistite. Non ho mai avuto niente di simile.

Purtroppo per un mese non ho modo di tornare a casa e rivolgermi al mio medico, c'è qualche crema/pastiglia/altro che posso provare a prendere nella speranza di risolvere il problema? secondo lei il problema, anche se ipoteticamente di natura batterica, si può risolvere da solo? cosa potrebbe essere? non sentendo dolore non so se far finta di niente o agire. Vi ringrazio per la gentilezza nel rispondermi.

Risposta del medico

Gentile lettrice, da quello che ci scrive non si esclude certamente un problema infiammatorio a livello delle vie urinarie; in questi casi bene, prima di prendere antibiotici e quant'altro, fare almeno una valutazione colturale completa sulle urine. Senta ora il suo urologo di fiducia e nel frattempo possono essere utili anche alcune indicazioni di tipo dietetico-comportamentale quali:

  1. vita sessuale regolare;
  2. limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati;
  3. lo stesso vale per le bevande come il caffé, il tè, le bibite gassate o alcoliche;
  4. altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno due litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;
  5. combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;
  6. se si fuma, spegnere la sigaretta perché la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;
  7. tenere d'occhio la bilancia, infatti, se obesi, spesso perdere peso migliora il quadro clinico, infatti il grasso accumulato sul giro vita può aumentare la "pressione" sulle vie urinarie e peggiorare i sintomi;
  8. infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo. Un cordiale saluto.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Cistite: sintomi, cause e rimedi
Cistite: sintomi, cause e rimedi
4 minuti
Pielonefrite: cause, sintomi e terapia
Pielonefrite: cause, sintomi e terapia
3 minuti
Clamidia, sintomi e prevenzione di un'infezione silenziosa e pericolosa
Clamidia, sintomi e prevenzione di un'infezione silenziosa e pericolosa
6 minuti
Candida vaginale: cause, sintomi e prevenzione
Candida vaginale: cause, sintomi e prevenzione
7 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pescara (PE)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Andrologia e Urologia
Roma (RM)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pompei (NA)
Specialista in Urologia
Asti (AT)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Urologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Roma (RM)
Specialista in Urologia e Andrologia
Prov. di Roma
Specialista in Urologia e Allergologia e immunologia clinica
Montevarchi (AR)
Specialista in Urologia
Pellezzano (SA)