Buongiorno,Da 5 giorni soffro di bruciore intimo esterno,la zona non presenta alterazioni,non ho avuto alcun tipo di perdita,ne rapporti,ne ho mai sofferto di cistiti o candidosi.Sto vivendo un periodo molto stressante e da 10 giorni sono rientrata dal mare (ipotizzo un'infiammazione dovuta all'utilizzo di una bicicletta non particolarmente comoda per muovermi dall'hotel alla spiaggia e in centro e lo sfregamento del costume da bagno in tessuto sintetico,situazione aggravata poi dal gran caldo).La sensazione è di bruciore e prurito su 3 punti abbastanza definiti tipo triangolo rovesciato,come di punture di aghi sempre in questi punti e la situazione si aggrava la notte ed in particolare stando sdraiata.Al momento assumo paracetamolo (da ieri) 2 volte al giorno, crema 2% (da questa mattina) e utilizzo un detergente intimo lenitivo alla malva a basso ph .La mia ginecologa di riferimento è in ferie e il medico di famiglia senza visitarmi ha proposto telefonicamente 5 giorni di antibiotico (ma se non vi è nessuna infezione in corso,assumere un antibiotico a quale scopo?)In questi giorni ho letto molto su internet e si parla di vulvodinia, ma la mia situazione non è né recidiva né cronica.Al momento nulla mi da sollievo,anzi...Al momento assumo pillola anticoncezionale in continuo (da 2 mesi) per monitorare un fibroma all'utero e adenomiosi.Resto in attesa di gentile riscontro.Buona giornata