Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

19-09-2018

Infiammazione alle vie urinarie

Buongiorno Dottori,

ci tenevo oggi a raccontarvi il mio problema e a sentire anche il vostro parere: è iniziato il tutto verso fine Luglio quando mi ritrovai con problemi ad espellere urina, oltre che a sentire maggiore necessità ad andare in bagno; così mi trovai costretto a richiedere un consulto alla guardia medica (essendo stato un weekend) che mi prescrisse il Bactrim come possibile prostatite/infiammazione delle vie urinarie. Successivamente però mi rivolsi al mio medico di base, in quanto non sentivo effetti concreti della cura, che mi prescrisse la Levofloxacina per 10 gg come farmaco più potente per contrastare l'infezione batterica.

Terminarono così 2 settimane infernali, al termine delle quali la situazione era tornata alla normalità. Purtroppo la situazione si è ripresentata ora a distanza di un mese e mezzo; durante un'eiaculazione ho sentito un forte bruciore alla punta che mi ha spaventato enormemente e che il giorno dopo ha creato una nuova infiammazione alle vie urinarie. Rivolgendomi al mio medico di base, mi è stato prescritto di nuovo Levofloxacina con 10gg di cura, dicendo che se dovesse risuccedere una terza volta allora sarà il caso di andare a fare ulteriori analisi; quindi mi ritrovo oggi con 6 giorni da quando è iniziata l'infiammazione e con 4 giorni di farmaco passati, aggiungendo però che in data odierna mi sono presentato in farmacia chiedendo delle compresse di mirtillo rosso e domandando se si potessero accompagnare con l'antibiotico che sto prendendo con lo scopo di velocizzare la cura. In risposta la farmacista mi disse che normalmente questi 2 antibiotici non dovrebbero essere presi insieme, e quindi mi sono state date delle compresse di mirtillo rosso meno concentrate e forti da prendere mattina e sera in aggiunta al farmaco in cura. Onestamente io sono molto spaventato che questo problema si possa ripresentare in futuro, come sono molto sorpreso di come io non sia stato mandato a fare ulteriori analisi da un urologo per esempio. È un'infiammazione molto spiacevole quella che mi trovo e mi incuriosiva anche verificare se fosse effettivamente vera l'affermazione che le compresse di mirtilli rossi e l'antibiotico non possano essere presi insieme. VI ringrazio in anticipo per le vostre opinioni che mi saranno molto utili anche per capire come comportarmi oggi ed in futuro.

Risposta di:
Dr. Giovanni BerettaDottore Premium
Specialista in Andrologia e Patologia della riproduzione umana
Risposta

Gentile lettore, se non ancora fatti bene, con il suo urologo di riferimento, programmare un'indagine ecografica delle vie uro-seminali seguita da una valutazione colturale completa sulle urine e sul liquido seminale; se si dovesse confermare una infiammazione di tipo batterico generalmente viene fatto anche un antibiogramma che ci indica quale antibiotico è meglio usare. Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento. Un cordiale saluto.

TAG: Adulti | Biochimica clinica | Disturbi dell'apparato uro-genitale | Effetti Collaterali | Esami | Farmacologia | Giovani | Infiammazioni | Organi Sessuali | Reni e vie urinarie | Salute maschile | Terapie | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!