12-12-2017

Precauzioni per Klebsiella pneumoniae

Mia moglie ha ricevuto ieri un referto relativo ad una coltura delle urine che ha rivelato la positività al batterio in oggetto.

La conta supera il milione per ml. Vorrei conoscere il vostro parere in merito a: - Opportunità di eseguire lo stesso esame anche per me. - Necessità di isolamento della paziente da nipoti ( uno dei quali con problemi di immuno debilitazione, con ricoveri in ospedale per febbri altissime e bronchite cronica ) e parenti per evitare eventuali contagi. - Non si manifestano sintomi di polmonite, solo infiammazione alle vie urinarie e tosse di stagione senza espettorato a colorazione ematica. La paziente ha immediatamente iniziato il trattamento con antibiotici.

Quali probabilità di evoluzione negativa ci si possono attendere.

Ringrazio per la gradita risposta.

Risposta di:
Dr. Pietro Di GregorioDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Risposta

Se non si tratta di K. pn. resistente agli antibiotici tutto dovrebbe risolversi in breve tempo e non necessitano ulteriori precauzioni.

TAG: Apparato Respiratorio | Infezioni | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie infettive | Pneumologia | Polmoni e bronchi