07-09-2017

Innalzamento di glicemia apparentemente ingiustificato

Buongiorno, grazie per lo spazio. Due mesi fa mi è stato diagnosticato diabete con terapia e dieta. Attualmente prendo metformina mattino e sera e lantus a mezzogiorno, in via di riduzione progressiva per valutare se toglierla completamente. A parte l'abiturami al regime alimentare e la fame che mi prende un po' fuori orario e che contrasto con carote, pomodori, cetrioli e verdure/ortaggi vari. La difficoltà maggiore è riuscire a mantenere orari regolari per la cena, se riesco a mangiare intorno alle 19/20:00 mi sembra di giovarne parecchio in termini di misurazioni della glicemia dopo cena e a diguno il mattino successivo, se riesco a prepararmi da mangiare anche per il mezzogiorno, sono fuori casa, rimane tutto regolare. Se capita di dover mangiare fuori casa, per quanto stia attento ci sono dovente sorprese.

Attualmente la mia glicemia a digiuno rientra regolarmente tra 80 e 110, e solitamente quella postprandiale due ore dopo l'inizio del pasto rientra il più delle volte al di sotto dell 130, ogni tanto tra il 130 ed il 140, occasionalmente ed apparentemente senza motivo sale al di sopra del 140. Per esempio cito due esperienza: 13 AGOSTO, sono stato ad un battesimo e al rinfresco ero un po' titubante se concedermi qualche spuntino visto che era principalmente focaccia pizza sfogliatine salate, pasta oltre a due torte e vino; alla fine ho preso regolarmente la mia mezza pastiglia di metformina 1000, ed ho mangiato tutto senza esagerare ma senza troppi timori e bevuto più bicchieri di vino. Appena arrivato a casa mi misuro la glicemia un po' preoccupato ed il valore era 127; 16 AGOSTO non avendo potuto prepararmi il pranzo da portare al lavoro (di solito inizio con verdure cotte o crude in abbondanza e mi attengo agli 80 grammi di pasta + 50 di pane integrale oppure in mancanza di pasta sostituisco con 100 gr di pane integrale oltre alle proteine che vario) mi faccio in casa anche il pane con solo farina lievito e pochissimo sale).

Decido allora di andare al supermercato locale acquisto 5 pomodori ed un panino integrale ai 5 cereali di 150grammi, di cui 80-90 li mangio con 50 grammi di arrosto di tacchino affettato, e la restante parte la metto da parte. Dopo due ore la mia glicemia è a 204 nonostante in entrambi i casi i valori precedenti fossero pienamente nella norma. Oggi devo mangiare nuovamente "al volo" e per curiosità torno al supermercato facendo questo ragionamento. Il tacchino lo posso mangiare, i pomodori idem, sui farinacei devo valutare, quindi stesso menù della volta precedente, 5 pomodori, 50 grammi di arrosto di tacchino affettato, mezzo panino (stavolta ho preso l'integrale che in altre occasioni non mi aveva dato problemi), dopo due ore la mia glicemia è a 210. Non sono i pomodori, ma a questo punto non è nemmeno il pane (il supermercato è una ex panetteria che produce ancora in proprio i prodotti da forno). Possibile che 50 grammi di arrosto di tacchino mi facciano volare la glicemia a 200 dopo cha stamattina a digiuno era 105 ed a colazione solitamente mangio due verdure della sera prima e 30 grammi di fette biscottate o pane con un caffè? È tutto molto anomalo

Risposta di:
Dr.ssa Ilaria GiordaniDottore Premium
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Endocrinologia e malattie del metabolismo
Risposta

Non è il tacchino perché non contiene carboidrati. Non deve focalizzarsi su singole misurazioni che possono variare anche inspiegabilmente, ma sulla media. Il diabetologo modificherà eventualmente la terapia se la media dopo pranzo dovesse essere sempre questa.

TAG: Diabete | Endocrinologia e malattie del ricambio | Ghiandole e ormoni | Nutrizione