Cosa fare in caso di ipoglicemia

cosa fare in caso di ipoglicemia
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Quando si soffre di diabete è probabile che alcune volte si abbia una concentrazione di Glicemia nel sangue più bassa del normale: si tratta di ipoglicemia. In caso di Ipoglicemia il glucosio non è sufficiente e per questo non può essere utilizzata come fonte di energia.

Quali sono i sintomi?

La maggior parte delle persone inizia a notare i sintomi di ipoglicemia quando i livelli di zucchero nel Sangue sono intorni a 70 mg o più bassi. I sintomi sono molti e svariati. I più comuni sono: confusione, vertigini, fame, mal di testa, irritabilità, polso accelerato, pallore, sudore, tremori, debolezza, vista offuscata e ansia.

Se non si interviene subito, i sintomi posso peggiorare. In questo caso è possibile avere alcune particolari sensazioni come: mancanza di coordinazione, poca concentrazione, lingua addormentata, incubi e sonno agitato fino ad arrivare allo svenimento.

Che fare in caso di ipoglicemia?

Se si hanno le vertigini, ci si sente confusi o con il cuore che batte a mille, probabilmente si tratta di ipoglicemia. In questo caso la prima cosa da fare è misurare i livelli di glicemia. Se questi sono molto bassi subito dopo aver mangiato probabilmente la soluzione sarà quella di adottare una dieta un po’ più equilibrata evitando zuccheri semplici (dolci, marmellata, bevande gassate) e preferendo piccoli pasti più volte al giorno.

Quando si iniziano a notare i primi sintomi di ipoglicemia si può:

  • mangiare una caramella;
  • bere mezzo bicchiere di succo di frutta;
  • bere una tazza di latte scremato;
  • bere mezzo bicchiere di bibita energetica;
  • mangiare un cucchiaio di miele (per un assorbimento più rapido porlo sotto la lingua);
  • mangiare un cucchiaio di zucchero.

15 minuti dopo aver assunto qualcosa di dolce misurare nuovamente la glicemia. Se i livelli di glicemia continuano ad essere al di sotto dei 70 mg occorre consumare qualche altro alimento dolce.

È raccomandabile, inoltre, segnare il giorno e l’ora  in cui la crisi ipoglicemica ha avuto inizio. In questo modo il medico sarà avvantaggiato nella ricerca della terapia più opportuna .

Si può prevenire?

In caso di diabete e di ipoglicemia alcune accortezze possono aiutare a prevenirlo.

  1. Seguire un piano alimentare.
  2. Fare almeno tre pasti quotidiani intervallati da uno spuntino.
  3. Pianificare i pasti a non più di 4-5 ore di distanza l’uno dall’altro.
  4. Controllare la glicemia prima di procedere al trattamento.
  5. Portare  sempre con sé un  alimento dolce.
  6. Assicurarsi che almeno un membro della propria famiglia o un amico sappia controllare la glicemia in caso di ipoglicemia e fare iniezioni di glucosio all’occorrenza.
Leggi anche:
Diabetici: la frutta e i dolci si possono consumare, l'importante è stare attenti alle quantità
02/07/2018
25/12/2012
TAG: Diabete | Endocrinologia e malattie del ricambio | Ghiandole e ormoni | Esami | Valori normali | Scienza dell'alimentazione | Nutrizione | Prevenzione
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche