Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

Intervento chirurgico per perforazione intestinale

Dopo un intervento per perforazione intestinale ad intervento riuscito il paziente è sedato da 10 gg. Le sue condizioni a livello di febbre e pressione arteriosa sembrano normali, la creatinina da valori alti è scesa alla normalità quasi. Il problema è che il paziente è con respirazione artificiale per questo motivo diventa problematico eliminare la sedazione perché i suoi polmoni non rispondono alla respirazione naturale. Cosa consigliate in merito? Il paziente ha 80 anni ed è stato in case protette per problemi psichiatrici.

Risposta del medico
Specialista in Chirurgia generale

A distanza di 10 giorni dall'intervento chirurgico non ci dovrebbero esserci più problemi di tipo chirurgico. La respirazione artificiale impone la sedazione. Il problema respiratorio è di competenza anestesiologico ma credo che i colleghi anestesisti proveranno a svezzare il paziente dal respiratore; non credo che ci sia alcuna alternativa a questa strategia.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Chirurgia generale
Prov. di Roma
Specialista in Chirurgia vascolare e Chirurgia generale
Palermo (PA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Chirurgia generale e Colonproctologia
Siracusa (SR)
Specialista in Chirurgia plastica‚ ricostruttiva ed estetica e Chirurgia generale
Roma (RM)
Specialista in Chirurgia generale
Tavagnacco (UD)
Specialista in Chirurgia generale e Colonproctologia
Nola (NA)
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Specialista in Medicina generale e Chirurgia generale
Milano (MI)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Specialista in Chirurgia generale
Civitavecchia (RM)