Salve, sono una ragazza di 22 anni; ho una vicenda che mi accompagna da quando ero bambina che non è mai stata troppo presa in considerazione dai medici fino a quando sono arrivata io a voler fare degli accertamenti (poi mi è stato detto che era meglio intervenire prima). Fin dalle prime visite pedriatiche mia madre chiedeva un parere sui miei... Leggi di più "troppi peli" (il medico rispondeva che con lo sviluppo sarebbero prob. diminuiti e che cmq potevo rimediare con la depilazione quando sarei cresciuta), ma questi non sono mai diminuiti e anzi sono ancora molti e direi dall'aspetto abbastanza "virile"; ho fatto una visita dermatologica e ho riscontrato una lieve forma di acne (dopo una serie di prove di cure il dermatologo disse che era una questione ormonale e mi ha indirizzato ad un ginecologo). Dopodichè il ginecologo mi ha fatto fare una serie analisi del sangue (risultavano sempre valori diversi: talvolta erano alti gli androgeni, talvolta la prolattina, ecc....) e vista l'irregolarità con cui si presentavano i valori, dopo essersi accertato dell'assenza di cisti ovariche ecc. mi ha indirizzato ad un endocrinologo. Anche con questo abbiamo fatto vari approfondimenti (in ipertricosi e ipercortisolemia) poichè cortisolo e prolattina sono risultati dapprima un poco alti, poi normali, ma comunque mai al di sopra della soglia. Non ho ancora ben capito dunque a cosa sia dovuta questa produzione irregolare di ormoni di vario tipo, anche se i medici mi hanno sconsigliato cure perchè per loro non necessarie. Successivamente ho pensato di voler iniziare a prendere la pillola per motivi personali (anche se ho sempre voluto verificare se per caso l'assunzione della pillola potesse aiutare appena, soprattutto nel mio caso anche perchè, tra le varie cose, non ho mai avuto il ciclo molto regolare e so che a molte ragazze viene prescritta anche per queste cose)e ho chiesto al mio endocrinologo (dato che conosceva già le mie condizioni) quale tipo di pillola anticoncezionale sarebbe stata più adatta al mio organismo e mi è stato consigliato il "DIANE"; so che questo farmaco ha prodotto effetti negativi su molti pazienti (sbalzi umorali e depressione, pianto, ecc...) e che per un periodo fu ritirato dal commercio perchè dannoso e successivamente reintrodotto. Volevo un parere a riguardo (ciò che mi preoccupa di più è il fatto che sia stato ritirato dal commercio, dato che gli effetti saranno diversi a seconda del paziente) e sapere se esistono rimedi anche piccoli per quanto riguarda almeno il livello più superficiale (peli, alcuni prodotti per l'acne che comunque non credo sia salutare lasciare incurata, soprattutto raggiunta la mia età). Grazie per ora, Saluti...