Salve. Sono una ragazza di 19 anni e ormai da tre soffro di un'ipocondria e di un'ansia molto pesante, mi spiego meglio. Tre anni fa un mio carissimo parente ha scoperto di avere un tumore (ora è guarito e sta molto meglio) ma io da allora ho sviluppato un'ipocondria davvero pesante, ogni minimo dolorino lo amplifico in modo esagerato e credo sempre di avere delle malattie strane e gravi tutto questo porta ad un'ansia sicuramente esagerata che tante volte si amplifica in un attacco di panico. Sono andata dal mio medico di medicina generale e la mia dottoressa mi ha risposto che non è di che solo tanta ansia e stress dovuto ai mille lavori che faccio e mi ha detto di assumere delle gocce calmanti che sto assumendo. Però sono sempre preoccupata anche perché i sintomi che le ho detto sono vertigini, sudorazioni, disorientamento, dispnea, tremori alle mani e depersonalizzazione e per di più in questi ultimi giorni mi di informicola/o duole la parte sinistra del corpo tanto che ho sempre paura che mi si paralizzi e sono arrivata al punto di avere malattie serie come sla, distrofia muscolare o un problema al cervello. Non so più cosa fare, mi provo la pressione ogni singolo giorno e ogni giorno è sempre perfetta 120/80 o poco più o poco meno. Il fatto è questa condizione sta condizionando molto la mia vita al punto che devo essere sempre occupata perché pensare troppo a me mi preoccupa e il fatto è che sta condizionando anche i miei studi, io infatti vorrei fare medicina ma ho paura di non farcela nonostante io sappia che sia quello il mio posto. In attesa di una vostra gentile risposta cordialmente saluto.