02-09-2017

La febbre potrebbe dipendere dalla cistite?

Gentile dottore, sono una donna di 39 anni, circa 13 fa ho avuto un episodio di cistite con dolore e un po' di sangue, purtroppo trovandomi all'estero non posso farmi dare nessun antibiotico, ma avevo con me il farmaco cistalgan e dopo il primo giorno stavo già molto meglio, senza dolore ma solo con bruciore durante la minzione e sensazione di vescica non completamente vuota. Qui l'unica cosa che mi hanno consigliato è stato bere molto ed assumere tavolette di mirtillo rosso da 500 mg 3 volte al giorno, e devo dire che adesso il disturbo è quasi completamente passato al punto che non avverto quasi più nulla quando urino e non ho sensazione di vescica non completamente vuota.

Oggi però è comparsa la febbre, il picco massimo è stato 38.1 ma adesso sta scendendo da sola senza assunzione di alcuna medicina. Lei pensa che i due fattori possano essere collegati? Potrebbe esserci ancora infezione in corso? Da premettere che ogni volta che ho fatto l'urinocoltura non è mai risultato nulla e non soffro sovente di cistite, l'ultima circa due anni fa. Secondo lei è il caso di anticipare il mio rientro? Grazie per la cortese attenzione.

Risposta

Salve, onestamente non ritengo collegati i due fenomeni, anche perché la febbre urinaria ha un esordio diverso. Sarebbe utile perlomeno un controllo ecografico delle vie urinarie al suo ritorno.

TAG: Infezioni | Reni e vie urinarie | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!