10-04-2017

La febbre può dipendere dallo stress?

Salve a tutti, vi avevo raccontato della mia vicenda, ma ancora non sembra esserci una soluzione. Vi riassumo brevemente e vi racconto gli aggiornamenti. Dallo scorso dicembre ho una febbricola costante, sui 37/37,2 che sale negli orari serali per poi scendere nelle mattinate. Qualcuno dirà "sono temperature normali", ma vi scrivo perché sento di non star bene e perché, normalmente, la mia temperatura, in condizioni "standard", non va oltre i 36,4! Ma andiamo con ordine. Lo scorso 20 Dicembre ho avvertito i tipici sintomi di un raffreddamento: bruciore alla gola, tosse secca, catarro, orecchie otturate. Qualche giorno dopo, prima di Natale, la febbre è arrivata a massimo 37,8 , ma poi si è attestata sui 37,2 , e da lì non è mai scesa. Ho, inizialmente, fatto dell'Aerosol con Clenil e Soluzione Fisiologica per sette giorni senza alcun risultato sulla febbricola ma sugli altri sintomi (meno tosse, espettorazione del catarro). A seguire ho preso cinque giorni di antibiotico e cinque di Tachipirina, senza alcun risultato. Dopodiché, cinque giorni di Bentelan e tre di Tachipirina, senza alcun risultato, nuovamente cinque giorni di antibiotico, e niente da fare, e, per finire, sette giorni, nuovamente, di Aerosol con maschera boccale. Tutto questo, naturalmente, è stato consigliato dal medico.
Alla visita del medico è stata riscontrata una faringite. Il torace è libero e non si presentano focolai di alcun genere.

La visita dall'Otorinolaringoiatra non ha prodotto risultati, dal momento che "non si riscontrano patologie degne di nota a carico dei distretti di competenza ORL che siano compatibili con la febbricola persistente". Così ho effettuato una prima batteria di analisi: AZOTEMIA: 27 mg/dl GLICEMIA: 98 mg/dl CREATININEMIA: 0,71 mg/dl COLESTEROLO TOTALE: 216 mg/dl <------- (Val. Max. 200) COLESTEROLO HDL: 68 mg/dl <------- (Val. Max. 55) TRIGLICERIDI: 61 mg/dl SODIO: 139 mEq/l POTASSIO: 3,78 mEq/l TRANSAMINASI AST/GOT: 15 U/L TRANSAMINASI ALT/GPT: 12 U/L YGT: 19 U/L PCR: 0,6 mg/l VES: 6 mm URINOCOLTURA: NEGATIVA GLOBULI BIANCHI: 5,17 GLOBULI ROSSI: 4,78 EMOGLOBINA: 14,4 EMATOCRITO: 43,4 VOLUME GLOBULARE MEDIO: 90,8 CONTENUTO EMOGLOBINICO MEDIO: 30,1 CONCENTRAZIONE EMOGLOBINICA MEDIA: 33,2 DEVIAZIONE STD. AMPIEZZA RBC: 40,1 COEFF. VAR. AMP. DIST. RBC: 12,3 PIASTRINE: 274 AMPIEZZA DISTRIBUZIONE PIASTRINE: 12,9 VOLUME PIASTRINICO MEDIO: 10,3 PERCENTUALE GRANDI PLT: 28,9 PCT: 0,28 NEUTROFILI: 43,3 - 2,24 EOSINOFILI: 3,5 - 0,18 BASOFILI: 0,6 - 0,03 LINFOCITI: 45,1 (Val. Max. 45) - 2,33 <------- MONOCITI: 7,5 - 0,39 URINE GIALLO PAGLIA LIMPIDE PH: 6 DENSITA: 1,025 GLUCOSIO: ASSENTE PROTEINE: 5 EMOGLOBINA: ASSENTE CORPI CHETONICI: ASSENTI BILIRUBINA: ASSENTE UROBILINOGENO: NORMALE NITRITI: ASSENTI ESTERASI LEUCOCITARIA: ASSENTE
NOTA: Presenza di alcuni cristalli di ossalato di calcio e tracce di muco. La presenza di linfociti leggermente aumentati ha fatto subito pensare ad una virosi. Così, dal momento che, successivamente, ho sviluppato anche astenia e leggero dolore nella parte sinistra dell'addome, proprio sotto il costato, abbiamo pensato ad una mononucleosi.

Tre settimane fa ho fatto altre analisi più specifiche: CERULOPLASMINA: 20 (Val. rif. 20 - 60) C3: 114 (Val. rif. 90 - 180) C4: 23 (Val. rif. 10 - 40) REUMATEST: 6,7 (Val. rif. Inferiore a 14) STRISCIO PERIFERICO: NEUTROFILI: 50% LINFOCITI: 40% MONOCITI: 6% EOSINOFILI: 4% BASOFILI: 0% Non si evidenziano forme immature TEMPO DI PROTROMBINA: 14 secondi INR: 1,29 (Val. Rif. 0,90 - 1,20) <---- ATTIVITÀ PROTROMBINICA 60,80 (Val. Rif. 70 - 100) <---- FIBRINOGENO: 211 (Val. Rif. 180 - 350) PTT: 29 (Val. Rif. 24 - 35) TOXO TEST IGG <0,13 NEGATIVO TOXO TEST IGM - NON REATTIVO CITOMEGALOVIRUS IGG <0,15 NEGATIVO CITOMEGALOVIRUS IGM - NON REATTIVO EPSTEIN BARR VCA AB IGG - 41 - VALORE SIGNIFICATIVO <---- EPSTEIN BARR VCA AB IGM - 0,5 - NEGATIVO ADENOIVIRUS ANTICORPI IGG 1:20 - VALORE SIGNIFICATIVO <---- ADENOVIRUS ANTICORPI IGM - ASSENTI TSH - 2,86 (Val. Rif. 0,25 - 5) FT3 - 5,35 (Val. Rif. 3,1 - 6,8) FT4 - 15,96 (Val. Rif. 12 - 22) TIREOGLOBULINA - 19,05 (Val. Rif. 3,5 - 77) ANTIC. ANTI TIREOGLOBULINA - 10,98 (Val. Rif. Fino a 115) ANTIC. ANTITIREOPEROSSIDASI - 9,98 (Val. Rif. Fino a 34) ALFA 1 GLICOPROTEINA ACIDA - 90 (Val. Rif. 40 - 130) GLOBULI BIANCHI - 4,16 (Val. Rif. 4 - 10) GLOBULI ROSSI - 4,81 (VAl. Rif. 4,5 - 6) EMOGLOBINA - 14,2 (Val. Rif. 13 - 17) EMATOCRITO - 42,8 (Val. Rif. 40 - 52) VOLUME GLOBULARE MEDIO - 89 (Val. Rif. 79 - 98) CONTENUTO EMOGLOBINICO MEDIO - 29,5 (Val. Rif. 26 - 32) CONCENTRAZIONE EMOGLOBINICA MEDIA- 33,2 (Val. Rif. 31 - 36) DEVIAZIONE STD AMPIEZZA RBC - 37,8 (Val. Rif. 38 - 50) <---- COEFF. VAR. AMP. DISTR. RBC - 11,9 (Val. Rif. 11 - 15) PIASTRINE - 266 (Val. Rif. 150 - 450) AMPIEZZA DISTRIBUZIONE PIASTRINE - 12,4 (Val. Rif. 9 - 17) VOLUME PIASTRINICO MEDIO - 9,8 (Val. Rif. 9 - 13) PERCENTUALE GRANDI PLT - 24,9 (Val. Rif. 13 - 43) PCT - 0,26 (Val. Rif. 0,19 - 0,38) NEUTROFILI - 46,4 / 1,93 (Val. Rif. 40 - 75 / 2 - 7) <----- EOSINFOFILI - 4,3 - 0,18 (Val. Rif. 0 - 6 / 0 - 0,60) BASOFILI - 0,5 - 0,02 (Val. Rif. 0 - 2 / 0 - 0,2) LINFOCITI - 41,1 - 1,71 (Val. Rif. 20 - 45 / 1.5 - 3.5) MONOCITI - 7,7 - 0,32 (Val. Rif. 0 - 12 / 0 - 1)

A parte i valori relativi alla coagulazione, di cui sono a conoscenza da sempre, tutti i medici, e dico TUTTI, mi dicono solo che sono "un fissato che fa analisi inutili, che sto bene e che sono solo un po' esaurito". Testuali parole. Solo che io non sto bene: ancora adesso, a distanza di oltre due mesi, ho questa febbricola e qualche doloretto sparso: ho fatto l'ecografia a milza e fegato, e tutto è risultato nella norma. Vorrei, però, porre la sua attenzione sul valore dell'Epstein Barr: le IGG sono presenti, ma, attenzione, le IGM non sono ASSENTI, ma hanno un valore di 0.5! Per quel che poco che ne so, dovrebbero essere ASSENTI per poter parlare di guarigione, no?
Attualmente, ogni sera, la temperatura arriva ai 37 / 37,1, ogni sera. A questo punto vi chiedo: secondo voi è possibile che questa febbricola ostinata e questa forte sensazione di stanchezza siano determinati dal fatto che la mononucleosi non è ancora guarita del tutto? Inoltre, soffro di un lievissimo, quasi impercettibile, prolasso LAM: c'è rischio di essere di fronte ad una endocardite batterica per la quale, quando richiesto, effettuo opportuna profilassi? Qualcuno mi parla anche di stress, dal momento che sto vivendo un periodo abbastanza movimentato. Ma una febbre ogni santa sera, da dicembre, può mai ricollegarsi allo stress? Confido in una vostra risposta, sperando di non sentirmi dire, come hanno fatto diversi colleghi, che sono solamente "un fissato": credetemi, non c'è nulla di peggio, per una persona che sta soffrendo, sentirsi dire che non sta dicendo la verità e che i sintomi che accusa sono solo frutto di una "fissazione"! Vi ringrazio immensamente.

Risposta di:
Dr. Pietro Di GregorioDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Risposta

Le febbricole del tipo di quella da lei descritta solitamente non sono da riferire a patologia di sorta. Pur tuttavia è sufficiente controllare ogni 4-6 mesi gli indici di flogosi (che lei chiaramente conosce) e osservare se vi sono segni di localizzazione d'organo. In tal caso procedere ad accertamenti mirati.

TAG: Biochimica clinica | Esami | Infezioni | Malattie infettive | Medicina generale | Patologia clinica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!