03-07-2018

La pressione alla testa può dipendere dall'ansia?

Salve non riesco a risolvere il mio problema; ho 32 anni, durante la giornata cosi all'improviso mi si secca la gola e la lingua, inizio a fare sbadigli continui per cercare di respirare e dopo un bel po' che faccio così mi si irrigidisce la faccia e mi sento di svenire, ho come la sensazione che non mi arrivi aria nel cervello, ho tanta paura di avere qualcosa di brutto. Mi hanno detto che è ansia e segnato lo xanax da 0.50 ma non risolvo il problema; dalla mattina alla sera soffro quasi tutto il giorno di questa cosa.
Ho fatto una lastra ai polmoni e va tutto bene, soffro di reflusso gastrico e di sinusite e in passato 10 anni fa ho avuto una leggera depressione per una morte di un parente risolta poi con i psicofarmaci però non mi prendeva così alla testa, lì avevo nervoso e respiravo male, ora invece non capisco se questa pressione alla testa può essere dovuta all'ansia?
Ho fatto una visita anche dal neurologo e con la visita mi ha detto che non c'è bisogno di fare risonanze alla testa, che sto bene su quel lato; non so cosa fare, vivo male le mie giornate e non riesco a capire se tutti questi sintomi possono essere associati all'ansia oppure posso avere qualcos'altro! Grazie

Risposta di:
Prof. Carlo Gandolfo
Specialista in Neurologia e Terapia fisica e riabilitazione
Risposta

Potrebbe essere un disturbo legato all'iperpnea (respirazione troppo frequente ed ampia) scatenata dall'ansia che causa aumento eccessivo di ossigeno e riduzione eccessiva dell'anidride carbonica nel sangue. Penso anch'io che la RM non sia indicata. Più che una terapia solo ansiolitica sintomatica potrebbe essere utile un trattamento più curativo che però solo uno specialista neurologo o psichiatra possono indicare.

TAG: Adulti | Apparato Respiratorio | Esami | Ipertensione | Malattie neurologiche | Neurologia | Psichiatria | Psicologia | Psicosomatica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!