13-09-2017

Linfonodi ingrossati ed eco tiroide

Salve, scrivo per conto del mio compagno di anni 37. Da un paio di mesi ha cominciato a sentirsi molto stanco, attribuendo l'astenia al ritorno dell'ansia poiché anni fa soffriva di attacchi di panico, curati con il cipralex e poi risolti. Nell'ultimo mese la situazione di stanchezza è andata peggiorando, tanto che riusciva davvero a fare poche cose e la mattina si svegliava con occhiaie e negli ultimi 15 giorni con diarrea o feci molli, cosa che perdura a tutt'oggi, ed è un po' dimagrito.

Dieci giorni fa, durante un'estrazione del cerume da un orecchio l'otorino ha trovato linfonodi gonfi laterocervicali e gli ha prescritto un'eco, poiché non aveva avuto né infezioni né mal di gola o di denti. Ieri abbiamo fatto un eco da un medico radiologo molto accurato, che ha deciso di controllare l'addome (tutto ok fegato e milza perché si sospettava una mononucleosi), il collo e anche la tiroide, e questo è il risultato: "Tiroide in sede ad ecostruttura diffusamente disomogenea per evidenza nel contesto di multiple millimetriche areole anecoiche. Si apprezza a sx un'immagine ovolare a 3 medio ipoanecoica con modico sbarramento posteriore di dimensione massima pari a 7x6mm. Dap dx 24 mm Dap sx 24 mm Trachea in asse. Lo studio delle principali stazioni linfonodali superficiali del collo ha riportato la presenza di multiple immagini ovolari a margini netti di verosimile natura linfonodale reattiva, la maggiore a sx in sottomandibolare di circa 35 mm. Nella norma il rapporto tra i vasi del collo".

Il radiologo ha detto che è necessario ed abbastanza urgente fare un ago aspirato non solo alla tiroide ma anche ai linfonodi e contestualmente fare un emocromo con dosaggi per la tiroide. Non ci ha allarmato ma soprattutto io sono molto in ansia. C'è una correlazione tra tiroide e stanchezza e tra tiroide e linfonodi? Grazie mille e saluti

Risposta di:
Dr.ssa Ilaria GiordaniDottore Premium
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Endocrinologia e malattie del metabolismo
Risposta

Non capisco la richiesta di agoaspirato sui linfonodi, visto che li descrive come "reattivi" e quindi infiammatori, ma non posso dirle di più non avendoli visti. Per quanto riguarda il nodulo tiroideo, può essere un'opzione fare l'agoaspirato essendo un primo riscontro, oppure si può ripetere l'ecografia dopo 6 mesi. È utile fare il prelievo per la tiroide perché potrebbe essere correlata all'astenia e all'ansia.

TAG: Endocrinologia e malattie del ricambio | Esami | Ghiandole e ormoni | Radiodiagnostica