Manca poco all’edizione 2018 della Settimana Mondiale della Tiroide, in programma dal 21 al 27 maggio, all’insegna del tema “Tiroide è energia”. Questa ghiandola è come una centralina che produce un Ormone importantissimo, la tiroxina, e regola una serie di funzioni vitali come il metabolismo, la produzione di calore, il controllo del ritmo cardiaco, lo sviluppo del sistema nervoso, l’accrescimento corporeo, la forza muscolare e molto altro.

La Settimana Mondiale della Tiroide, organizzata in Italia dalla Società italiana di Endocrinologia (Sie) con il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità, ha allora l’obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo all'azione preventiva della iodoprofilassi. Sono infatti oltre 6 milioni gli italiani con un disturbo alla Tiroide che, quando non funziona correttamente, ha ripercussioni su tutto il corpo. Non bisogna perciò trascurare alcuni campanelli d’allarme.

Che cos’è la tiroide

La tiroide è una ghiandola situata nel collo, anteriormente alla trachea, che produce un ormone che regola importanti processi durante tutto l’arco della vita. Nell’età evolutiva l’ormone tiroideo governa lo sviluppo neuropsichico e l’accrescimento somatico, mentre in tutte le età è fondamentale per il buon funzionamento del muscolo cardiaco e scheletrico, per il metabolismo osseo, lipidico, glucidico e il mantenimento dell’omeostasi energetica. Insieme ad altri ormoni ci consente di acquisire le “scorte” in presenza di un bilancio energetico positivo e di utilizzarle in caso di necessità. Regola inoltre la produzione di calore, consente di mantenere costante la temperatura corporea. È quindi una delle fonti di energia del nostro organismo. Una riduzione di questo ormone (ipotiroidismo) o un eccesso (ipertiroidismo) altera tutti questi processi.

Cause, sintomi e cure

La causa più frequente della patologia tiroidea è – assieme alla predisposizione genetica – la carenza di iodio da cui dipende la patologia nodulare che è la più frequente. I noduli tiroidei sono palpabili nel 5% dei soggetti, ma noduli di piccole dimensioni, rilevabili con l’esame ecografico, sono presenti nel 50-60% della popolazione generale. Frequenti sono anche le alterazioni della funzione tiroidea. L’Ipotiroidismo si riscontra in forma lieve in quasi il 10% della popolazione e, come per i noduli, aumenta con l’età.

L'ipertiroidismo colpisce fino al 2-3% della popolazione generale nella sua forma clinicamente manifesta, ma la prevalenza delle forme più lievi è del 4-6 % soprattutto nelle donne sopra i 60 anni. L’esame più frequentemente utilizzato nella diagnosi delle malattie tiroidee è l’ecografia. L’ipotiroidismo si corregge agevolmente con l’assunzione di ormone tiroideo, l’ipertiroidismo invece si cura con farmaci che bloccano la produzione ormonale.

Quali sono i campanelli d’allarme? Alterazioni del peso, debolezza e stanchezza, alterazioni della sfera psico-intellettiva come disturbi della memoria, sonnolenza, difficoltà di concentrazione, pensiero rallentato, scarso rendimento scolastico o lavorativo. Ma anche intolleranza caldo e freddo, disturbi intestinali, secchezza della pelle e fragilità delle unghie e dei capelli sono tra i primi sintomi di squilibri ormonali. La sorveglianza è di particolare importanza su soggetti a rischio come neonati, donne in gravidanza e persone anziane.

Visite gratuite ed eventi in Italia

Sono tantissimi i centri in Italia che aderiscono alla Settimana Mondiale della Tiroide attraverso ecografia e visita endocrinologica gratuite. Sul sito web della Sie c’è la mappa di chi partecipa, città per città. Ma la settimana prevede anche incontri a tema in tutta la penisola.

A Ponte degli Alberi (PU), per esempio, il Centro Salute Art32 onlus organizza il 23 maggio un incontro dal titolo “Tiroide, salute e prevenzione”. A Parma, il 22 maggio, colloqui informativi in ospedale (Padiglione Barbieri). A Siena distribuzione di materiale informativo e screening in piazza Matteotti il 22 maggio. A Torino, incontro con i cittadini il 24 maggio nella sala convegni della Asl locale. Il 23 maggio tavolo informativo nella Casa della Salute di Casalecchio di Reno (Bologna). Ma l’elenco delle iniziative è ancora lungo, per ogni altra informazione si rimanda alla mappa stilata dalla Sie.