L’ESPERTO RISPONDE

Linfonodi inguinali ingrossati

Buongiorno, sono una ragazza di 28 anni. Da circa due anni sto facendo delle indagini mediche per i miei sintomi. Al momento persiste la presenza di muco nelle feci, grosse difficoltà digestive che causano molto spesso il vomito dopo i pasti, e da circa un mese e mezzo in zona inguinale ingrossamento dei linfonodi.Dai vari esami che ho fatto è risultata la calprotectina a 1925 e poi scesa a 195, gli AGA IGg alte, neutrofili e leucociti più bassi e poi che ho passato e ora non più attive 3 infezioni: EBV, toxoplasmosi, CMV.Ho fatto un'ecografia inguino-crurale che ha evidenziato vari linfonodi di tipo reattivo. Quello superificiale più grande è di 1, 5 cm. La mia preoccupazione nasce dal fatto che proprio accanto a questo linfonodo piano piano sta aumentando un rigonfiamento, una piccola massa alla palpazione abbastanza dura, ora delle dimensioni, lunghezza 7/6 cm e larghezza 3. Negli ultimi 15 giorni è aumentata velocemente ed è ben visibile quando sto in posizione eretta. È possibile che sia causato dallo status dei linfonodi? Il mio medico sospettava un'ernia inguinale ma è risultata negativa e mi ha detto di aspettare. Mi consigliate anche voi di far così al momento? Vi ringrazio per l'attenzione. Cordiali saluti.

Risposta del medico
Specialista in Gastroenterologia e Ecografia

Mi pare necessario approfondire e chiarire la natura dei problemi descritti. Le infezioni subite da poco tempo possono spiegare la presenza delle linfoadenopatie reattive, ma rimane da chiarire il rigonfiamento recentissimo in regione inguinale, che va attentamente seguito ecograficamente ma, se è il caso, anche con RM o TC .Per quanto riguarda poi i problemi gastrointestinali, bisognerebbe sapere qualcosa di più dal lato clinico e dal lato delle indagini di laboratorio effettuate e/o da effettuare, ma dal quadro complessivo descritto sia pur molto brevemente mi sento di consigliarle intanto una colonscopia.Cari saluti

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Linfonodi gonfi: cosa fare?
Linfonodi gonfi: cosa fare?
3 minuti
Linfonodi ingrossati: le cause della linfoadenopatia
Linfonodi ingrossati: le cause della linfoadenopatia
3 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Oncologia e Gastroenterologia
Prov. di Cagliari
Specialista in Oncologia e Endocrinologia e malattie del ricambio
Prov. di Reggio di Calabria
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Gastroenterologia
Prov. di Cagliari
Specialista in Gastroenterologia e Endocrinologia e malattie del ricambio
Prov. di Roma
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Oncologia
Prov. di Venezia
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Ematologia
Prov. di Barletta Andria Trani
Specialista in Gastroenterologia e Oncologia
Prov. di Taranto
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Oncologia
Prov. di Potenza
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Oncologia
Prov. di Pesaro Urbino
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Gastroenterologia
Palermo (PA)