Buongiorno, sono una ragazza di 28 anni. Da circa due anni sto facendo delle indagini mediche per i miei sintomi. Al momento persiste la presenza di muco nelle feci, grosse difficoltà digestive che causano molto spesso il vomito dopo i pasti, e da circa un mese e mezzo in zona inguinale ingrossamento dei linfonodi.Dai vari esami che ho fatto è risultata la calprotectina a 1925 e poi scesa a 195, gli AGA IGg alte, neutrofili e leucociti più bassi e poi che ho passato e ora non più attive 3 infezioni: EBV, toxoplasmosi, CMV.Ho fatto un'ecografia inguino-crurale che ha evidenziato vari linfonodi di tipo reattivo. Quello superificiale più grande è di 1, 5 cm. La mia preoccupazione nasce dal fatto che proprio accanto a questo linfonodo piano piano sta aumentando un rigonfiamento, una piccola massa alla palpazione abbastanza dura, ora delle dimensioni, lunghezza 7/6 cm e larghezza 3. Negli ultimi 15 giorni è aumentata velocemente ed è ben visibile quando sto in posizione eretta. È possibile che sia causato dallo status dei linfonodi? Il mio medico sospettava un'ernia inguinale ma è risultata negativa e mi ha detto di aspettare. Mi consigliate anche voi di far così al momento? Vi ringrazio per l'attenzione. Cordiali saluti.