Mi è stata riscontrata la presenza di un calcolo a stampo di 3 cm al rene sinistro. L'urologo consultato, prima di procedere con chirurgia percutanea, vuole che mi sottoponga a ESWL con l'applicazione di uno stent. La procedura mi sembra corretta ma ho timore che il "bombardamento" sia doloroso e inutile, date le dimensioni del calcolo, e che, dovendo portare il catetere per diversi mesi, la mia attività lavorativa, per la quale mi muovo molto e faccio un uso giornaliero frequente della motocicletta, possa crearmi problemi ed "effetti negativi" vari (dolori, dislocamento, ecc.). Sono timori esagerati? Grazie