Mi rivolgo a Lei per sottoporre alla Sua attenzione il seguente quadro clinicoMio figlio, che ora ha 14 anni, alla nascita presentava torsione intravaginale di un testicolo e per questo è stato sottoposto ad un intervento di detorsione chirurgica, che faceva ben sperare, per l'osservazione di passaggio sanguigno.Nei due anni successivi ha effettuato visite di controllo con esecuzione di E.T.G. , che hanno evidenziato una piccola formazione di circa 7mm di diametro con ecostruttura disomogenea, riferibile ad esito di torsione testicolare. Ci è stata ipotizzata l'eventualità che tale residuo crescendo, potesse avere una qualche funzionalità in età puberale.Fin'ora non è stato sottoposto a nessuna visita specialistica, perchè non è stata consigliata e perchè la sua crescita, anche quella sessuale, è avvenuta in modo regolare, così come è stato accertato durante le visite pediatriche.A questo punto, giunti all'età puberale, Le chiedo se esista una letteratura di casi come quello di mio figlio, che lascia supporre che il residuo del testicolo possa svolgere qualche funzione e che , nel caso non l'avesse, indichi un'alternativa all'inserimento di una protesi , un'alternativa che sia non solo estetica ma anche funzionale.E inoltre, quali sono le indagini che diagnosticano che il residuo in questione sta in qualche modo funzionando?E qual è il centro migliore dove fissare una visita? La ringrazio per la Sua cortese attenzione. Rimango in attesa di una Sua gradita risposta.Cordiali saluti