27-05-2008

Mio padre, di 63 anni, ha un tumore al fegato non

Mio padre, di 63 anni, ha un tumore al fegato non operabile. Ha scoperto di questo tumore in seguito ad esami eseguiti in ospedale per via del colore giallastro della pelle che persisteva da alcuni giorni (ittero). Dopo varie settimane di esami, in cui si attendeva che il livello di bilirubina si abbassasse, mio padre ha iniziato una terapia di chemioembolizzazione che prevede 2 sedute ogni 2 settimane, per 6 mesi. Vorrei sapere da un esperto quali sono le reali possibilità di guarigione o le prospettive di vita, considerando che lo stato di salute di mio padre è piuttosto buono. Grazie.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
le reali possibilità di guarigione o le prospettive di vita, considerando che lo stato di salute di suo padre è piuttosto buono, dipendono essenzialmente dalla efficacia della chemioembolizzazione. Se dopo 3 settimane la Tc di controllo mostra che le aree tumorali sono andata in necrosi totale, allora vi sono buone possibilità di guarigione.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna