Mio padre di 75 anni e' affetto da circa 20 anni da epatite B e C, ed e' diabetico in trattamento con insulina. Dopo che gli e' stato diagnosticato questa patologia ha fatto terapia con interferone come da protocollo.A fine trattamento la sintomatologia e' diventata cronica. Da 6 mesi circa si e' avuto un'incremento della transaminasi e una... Leggi di più positivita' dei markes tumorali, inoltre da 3 mesi gli sono stati riscontrati i diverticoli all'intestino.Ecograficamente gli e' stato diagnosticato: fegato nei limiti, con modico incremento degli echi parenchimali, senza evidenti lesioni focali.Vie biliari intra ed extraepatiche non dilatate. Colecisti in sede, angolata con piccola formazione adesa alla parete di circa mm 6x6 compatibile anche con un adenomioma.Vena porta di calibro regolare.Pancreas e milza nei limiti. Reni in sede , regolari per forma e volume. Indice cortico-midollare ed ecostruttura parenchimale conservati. Echi pielici normorappresentati.Cavita' calico-pieliche non ectasiche. Assenti calcoli e/o formazioni solide o liquide occupanti spazio in sede parenchimale,bilateralmente.I valori degli esami ematochimici sono i seguenti:GOT68(8-37)05/04/06..GOT130(10-50);12/10/06..GPT118(10-40)05/04/06..GPT194(15-50)12/10/06..CEA7,10(0.10-4,0)05/04/06..CEA11,6(0,0-5.00)12/10/06..ALFAFETOPROTEINA2,86(0,00-8,00)05/04/06..ALFAFETOPROTEINA3,0(0,0-6,0)12/10/06..TPA160(0-100)12/10/06..FOSFATASI145(40-140)05/04/06..FOSFATASI157(38-186)12/10/06..GAMMA40(10-50)05/04/06..GAMMA75(8-78)12/10/06..HCV-RNA7.690.000(FINO 6.6X10all'ottavo)23/11/06..unita' internazionali1.875.610(23/11/06).Da premettere che mio padre e' in trattamento con i seguenti farmaci:URSACOL 150 2 al di; NORMIX 200 3 al di; PANTORC 40 1 al di; PERIDON 1/2 a pasto. Negli ultimi 10 gg ha effettuato una fisiologica da 100 con 1 fiala di TAD 600 mg al di. Dopo terminate le fiale sta praticando REALSIL bustine due volte al giorno per 20 gg. Terminata questa terapia di nuono analisi, ecografia e controllo. Inerente a tutto cio vi chiedo se potete cortesemente rispondere alle seguenti domande: in base ai valori da me elencati in che stato e' la malattia?; come puo' evolvere e quali le conseguenze?; secondo voi la terapia che sta facendo e' idonea?, quale terapia potrebbe andare meglio?. Sicuro di una vostra cortese e sapiente risposta porgo distinti saluti. Vi ringrazio anticipatamente della vostra collaborazione e del vostro aiuto.