23-03-2006

Mio padre è affetto dal virus dell'epatite b il

Mio padre è affetto dal virus dell'Epatite B il quale cronicizzato è sfociato in una cirrosi, diagnosticata dai medici ben compensata. Dopo esami specifici, i valori dell'Epatite B stanno scendendo (questo grazie a delle cure) mentre la Cirrosi si sa che una volta comparsa, seppur lentamente e monitorata, si cronicizza e non può scomparire! Quello che io vi domando e su cui vorrei un bel chiarimento è: sapendo che la cirrosi è stata causata dal virus dell'epatite, in che modo sono e saranno relazionate le due.... nel senso riducendo l'epatite alla cirrosi cosa succederà? E nell'ipotesi di un trapianto, ripristinando il virus dell'epatite B cosa ne sarà della cirrosi: cioè si intaccherà di nuovo il fegato? spero che mi capiate ma scusate la mia comprensibile confusione dovuta alla mia preoccupazione. Manuela.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La cirrosi è una condizione patologica irreversibile e quindi non suscettibile di revertire. Tuttavia l’eliminazione della carica virale HBV, causa della cirrosi stessa, è certamente un fattore che può migliorare il quadro clinico. In caso di trapianto di fegato, si adotteranno procedure particolari (immunoglobuline anti-epatite B) con lo scopo proprio di evitare che il fegato trapiantato possa infettarsi, e con buona percentuale di successo.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna