12-01-2006

Mio padre è stato ricoverato in ospedale dal

Mio padre è stato ricoverato in ospedale dal 31/10/05 al 21/11/05 e la diagnosi è la seguente: Cirrosi Hcv in fase ascitica con ipertensione portale,; sanguinamento da rottura di Varici esofagee F3 (trattate con Scleroterapia); Polmonite basale sx con pleuropatia consensuale. Colonizzazione broncopolmonare micotica (C. albicans). Pancitopenia secondaria. Durante la degenza eseguita Scleroterapia varici esofagee. Rx torace (6/11/05) Opacamento basale sx con obliterazione scf da verosimile versamento pleurico. Rx torace (16/11/05) Riduzuione versamento pleurico basale sx, non lesioni a focolaio, immagini calcifiche aortopolmonare da verosimili linfonodi. A breve dovrà essere convocato per ulteriore ricovero per fare la legatura di varici esofagee. Al momento gli hanno ordinato: Inderal c 40 mg, Portolac bust, Albumina, Luvion, Lasix, Pantecta c 20 mg., Konakion gtt, e Ferrofolin. La mia domanda è mio padre fino a un anno fa stava bene, risultava infetto dal virus dell'epatite ma aveva i valori poco al di sopra della norma. L'anno scorso controllando che i valori gli erano aumentati è andato sotto consiglio anche del medico di famglia al centro più vicino a noi specializzato per il fegato (Reparto malattie infettive degli Ospedali riuniti di Reggio Calabria). A questo punto gli è stato consigliato dato l'ottimo stato di salute a parte l'infezione da Epatice C, la cura con Interferone. Ha fatto la cura circa sei mesi, poi ha incominciato ad avere febbre e gli è sanguinato il naso e lo hanno fatto smettere. Questo è successo circa a Marzo -Aprile 2005. Comunque dopo pareva stesse bene ad un certo punto a Luglio ha avuto un'emorragia digestiva dovuta a varici esofagee, sia con vomito che con Diarrea. Si è ricoverato circa 10 giorni è parlando con i medici (erano abbastanza ottimisti, mi avevano detto che ancora non aveva la cirrosi) gli hanno dato una terapia che paveva stesse andando bene. Lui praticamente faceva di tutto, anche lavoretti in campagna. Poi circa un mese fa ha avuto un'altra Emorragia digestiva (con diarrea) ed è stato ricoverato con l'esito di cui sopra. Io adesso sono abbastanza spaventato perchè non ho molta fiducia dei medici di quell'ospedale che tuttora non sembrano allarmisti. Vorrei sapere se mi consigliate di portare mio padre in un altro ospedale (e nel caso mi possiate indicare uno), e le prospettive di vita. Vi ringrazio anticipatamente per il servizio che ci offrite on line.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La situazione di suo padre sembra essere quella di una cirrosi epatica in stadio piuttosto avanzato. Data l’età, che esclude la possibilità di prendere in considerazione un eventuale trapianto di fegato, è consigliabile che venga sottoposto a periodiche e ravvicinate visite mediche specialistiche per il controllo e la gestione delle problematiche inerenti la malattia epatica cronica. Può certamente sentire il parere di un altro Centro specialistico anche se è preferibile che si rivolga a quello localizzato più vicino alla sua abitazione, a causa della necessario frequenza di controlli ravvicinati.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!