04-06-2016

Mononucleosi e danni alla milza

Buongiorno dottore, sono una ragazza di 21 anni e sono guarita dalla mononucleosi qualche giorno fa (è durata 3 settimane circa con febbre, mal di gola). So che dopo la mononucleosi si rischiano traumi a milza e fegato e che, infatti, si deve sospendere l'attività fisica. Premesso che, prima di ammalarmi, andavo in palestra tutte le sere, quanto tempo devo ancora aspettare prima di poter tornare in palestra per non correre il rischio di complicazioni relative a milza e stomaco? Nel frattempo, eventualmente, posso fare qualche esercizio più leggero magari alcuni addominali, 20 minuti di corsa o qualcosa che comunque non porti ad uno sforzo eccessivo oppure anche questi esercizi possono rivelarsi pericolosi? Grazie mille!!!!
Risposta di:
Dr. Pietro Di GregorioDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Risposta
Dopo la mononucleosi non si rischiano traumi alla milza e al fegato, bensì gli organi di cui trattasi e in particolare la milza diventano pù fragili se esposti a traumi. Pertanto sono controindicate le attività sportive che possano comportare traumi a carico del torace, in particolare se è residuato un aumento di volume della milza. Un esame ecografico sarebbe opportìuno fra circa due mesi e così pure la sospensione dell'attività fisica impegnativa, mentre quella normale è consentita
TAG: Fegato | Infezioni | Malattie infettive | Medicina interna | Virus
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!