Aprile è individuato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come il Mese della prevenzione alcologica. Via dunque anche nel 2019 alle iniziative di sensibilizzazione per riflettere sul consumo di alcol e sulla possibilità di scegliere comportamenti e stili di vita che incidano positivamente sulla qualità di vita del singolo e della collettività.

Mese della prevenzione alcologica: cresce il numero degli adolescenti che bevono

L’Italia è il terzo paese in Europa per numero di adolescenti che fa uso frequente di alcolici (più di tre volte in un mese per un quindicenne maschio). Quasi uno su tre, contro una su sei fra le ragazze. La situazione più grave si riscontra a Malta e in Danimarca, dove sono elevati i tassi di consumo di alcolici sia fra i ragazzi che fra le ragazze, e in Romania fra i 15enni maschi. Lo dice l’ultimo rapporto dell’OMS sui dati relativi ai comportamenti dei più giovani rispetto all’alcol, pubblicato a fine 2018. Lo studio, dal titolo HBSC (Health Behaviour in School-aged Children – Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), si svolge ogni 4 anni e che coinvolge i ragazzi di 11, 13 e 15 anni.

Ma che cosa bevono gli adolescenti europei? Soprattutto birra. Nel complesso la prevalenza del consumo settimanale di birra è stata del 12% tra i ragazzi e del 4% tra le ragazze, ma non sono i paesi di lingua tedesca, come vorrebbe lo stereotipo, o i paesi nordici, a mostrare i consumi maggiori fra i giovanissimi. Fra le ragazze, la più alta prevalenza di consumo settimanale di birra è stata osservata in Grecia (10%), Italia e Malta (9%). Fra i maschi invece in Croazia (25%), Israele (23%), Romania (22%) e ancora una volta in Italia (21%).

Non bisogna dimenticare, infatti, che un consumo eccessivo di bevande alcolici, oltre a diventare una vera e propria dipendenza, può portare a conseguenze, anche gravi, per il nostro organismo. Cirrosi epatica e pancreatite su tutte; ma anche tumori maligni o benigni (come quello al fegato, ad esempio),epilessia, disfunzioni sessuali, demenza, ansia e depressione. 

Mese della Prevenzione alcologica, qualche iniziativa in agenda

Il Mese della Prevenzione alcologica è ormai un appuntamento consueto per informare l’opinione pubblica sui disturbi alcol-correlati – che in Italia coinvolgono almeno 650.000 famiglie secondo l’Istituto superiore di Sanità- e di conseguenza sull’importanza della riduzione del consumo medio di alcol nella popolazione. Previste varie iniziative negli ospedali d’Italia, stand informativi nelle strutture sanitarie e nelle piazze e distribuzione di materiale informativo.

Ricco il calendario degli eventi a Trieste, tra i quali spicca il 18 aprile alle 10, la gara internazionale di cocktail analcolici, organizzata all’Hotel Posta dallo I.A.L. di Trieste e giunta ormai alla XII edizione. Il 25 aprile, inoltre, alla Casa dello Studente Sloveno - Srecko Kosovel, Via Ginnastica, 72, ci sarà a partire dalle 9 un seminario aperto organizzato dall’Associazione Alcolisti Anonimi di Trieste.

A Torino, compie 30 anni il Day Hospital algologico, l’importante il servizio per l’identificazione delle patologie da alcol dell’ospedale Mauriziano.

I pazienti con problematiche di abuso di alcol che accedono in Pronto Soccorso e nei reparti specialistici di Medicina e Chirurgia sono sempre più numerosi. Ecco perché a Parma, il Centro di Alcologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria della città organizza il corso teorico-pratico dal titolo “Emergenze/Urgenze alcologiche. Aspetti medici e infermieristici”, in programma mercoledì 17 aprile dalle 14 alle 18.30 nella Sala congressi dell’Ospedale. Ognuno di noi quando ha problemi di salute vorrebbe essere curato al meglio da personale sanitario adeguatamente formato e di elevata qualità. Il corso si prefigge pertanto di dare risalto alla formazione sul campo degli operatori sanitari, nel trattamento delle emergenze/urgenze alcologiche.

Sempre in Emilia-Romagna, in occasione del mese della prevenzione alcologica, l’Ausl di Modena lancia una campagna attiva sui social network e numerosi eventi a cura di centri alcologici. “La vita vale più di un bicchiere” è il tema di quest’anno, legalo all’alcol e alla guida.