28-06-2018

Nevo o cheratosi?

Salve, dopo aver riscontrato una modifica di un neo (o presunto tale) che aveva iniziato a rilevarsi e seccarsi tipo crosta, e avendo notato un prurito intorno ad esso, mi son recato dal dermatologo, che mi ha ordinato Aureomicina fino al giorno della Epiluminescenza. Nel frattempo l'escrescenza si è staccata lasciando un punto più o meno rosso (piccolo sanguinamento ma molto breve), e cosi è stato visualizzato in EPi. Il dottore ha ipotizzato una cheratosi seborroica al "99% niente di preoccupante" ma mi ha consigliato ugualmente di rimuovere l'elemento pigmentato e relativa biopsia. E' possibile che dopo Epiliminescenza non sia sia ancora in grado di distinguere un nevo pericoloso da una cheratosi?

Risposta di:
Dr. Stefano Maria SeriniDottore Premium
Specialista in Dermatologia e venereologia e Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...)
Risposta

L'epiluminescenza serve a indicare quali lesioni debbono essere asportate per essere analizzate e quali possono essere lasciate senza timori sul Paziente. Segua le indicazioni del suo Dermatologo.

TAG: Adulti | Chirurgia | Dermatologia e venereologia | Esami | Giovani | Pelle | Tumori