Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

22-02-2013

Non dimostrabile il rapporto causa effetto tra neurite e sinusite

Egregio dottore,le scrivo per avere un suo parere in merito all'esito della TAC eseguita.Brevemente le accenno che circa due anni fa ho avuto un episodio di NEURITE OCULARE RETROBULBARE che mi ha portato a perdere per circa due settimane quasi completamente la vista all'occhio destro. Dopo cure cortisoniche il tutto è rientrato ma nessuno mi ha saputo dire la cusa di tale infezione. Tramite visite a medici di diversa specializzazione mi è stata consigliata la tac massiccio facciale perchè ho spesso dolori all'incavo dell'occhio destro e cefalea alla parte destra del capo.Questo il referto:MARCATO ISPESSIMENTO DEL RIVESTIMENTO MUCOSO DEI SENI FRONTALI E MASCELLARI.LIEVE ISPESSIMENTO DELLA MUCOSA DEI SENI SFENOIDALI.parziale obliterazione DI ALCUNE CELLE ETMOIDALI.OBLITERATE LE UNITà OSTEOMEATALI.SETTO NASALE SOSTANZIALMENTE IN ASSE.CONCHA BULLOSA BILATERALMENTE.IPERTROFIA DEI TURBINATI INFERIORI.La mia domanda è se lei crede possibile una cura farmacologica o se sarà ionvece necessario un intervento chirurgico. In caso positivo in cosa consiste l'intervento?La ringrazio anticipatamente.Roberta
Risposta di:
Dr. Francesco Gedda
Specialista in Otorinolaringoiatria
Risposta

Purtroppo non è dimostrabile un rapporto causa-effetto tra la neurite retrobulbare e la sinusite sfeno-etmoido-mascellare. Ancora meno correlabile è la sinusite frontale. In altre parole, nessuno può dire con certezza che la sinusite dimostrata alla TAC dia all'origine della sua neurite retrobulbare. Tuttavia, è altrettanto vero che avere una infiammazione così vicina all'orbita rappresenta una spada di Damocle che può anche peggiorare la qualità della vita. Tutto sommato una bonifica chirurgica per via endoscopica può essere presa in considerazione, ma l'estensione dell'intervento può essere stimata solo dopo una visita completata con una endoscopia.

TAG: Otorinolaringoiatria
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!