Labirintite o neurite vestibolare

Labirintite o neurite vestibolare

Sintomi, diagnosi e trattamento della labirintite, l'infiammazione del labirinto responsabile di vertigini e instabilità.
In questo articolo:

Largamente diffuso oggi nel linguaggio comune ma non più utilizzato dagli specialisti, il termine "Labirintite" è nato in età pre-antibiotica quando un’otite media poteva complicarsi in una otomastoidite e quindi interessare l’orecchio interno (o labirinto) e da qui evolvere in una meningite.

Oggi il termine corretto è neurite vestibolare, un’infiammazione delle cellule (neuroni) del ganglio del nervo vestibolare (VIII paio dei nervi cranici) dovuta a una riattivazione del virus dell’herpes. Più raramente, soprattutto nei pazienti anziani, la causa della neurite vestibolare è l’ostruzione di una delle piccole arterie (ischemia) che portano il sangue al labirinto o ai nuclei vestibolari.

Come si manifesta la labirintite: i sintomi caratteristici della neurite vestibolare

Il nervo vestibolare fa parte del sistema vestibolare, ossia delle formazioni che partono dai recettori del labirinto dell’orecchio interno e che regolano l’equilibrio statico e dinamico del nostro corpo, oltre che essere responsabili di una chiara visione durante i movimenti della testa. Un loro cattivo funzionamento causa caduta o instabilità, vertigini, nistagmo (movimento oscillatorio involontario degli occhi).

Il quadro clinico più comune della labirintite è caratterizzato da:

  • violenta vertigine a insorgenza improvvisa
  • nausea
  • vomito
  • incapacità di camminare o stare in piedi.

Questi sintomi migliorano gradualmente nell’arco di giorni o settimane anche se possono permanere per mesi una modesta instabilità e lievi e transitorie vertigini.

Labirintite o neurite vestibolare: la diagnosi

Per la Diagnosi di labirintite, lo specialista otorinolaringoiatra si avvale innanzitutto dei dati anamnestici, ovvero la storia clinica del paziente. Successivamente, il quadro della Sindrome vestibolare acuta è documentabile con un esame vestibolare, con cui lo specialista valuta:

  • l’incapacità nel cammino e nella stazione eretta;
  • la deviazione nella marcia e nelle braccia tese;
  • il nistagmo, che può essere meglio visualizzato con gli occhiali di Frenzel o con una registrazione nistagmografica.

La diagnosi può essere completata con visita neurologica e una Risonanza Magnetica RMN, utili a escludere come causa del disturbo un danno neurologico.

Trattamento della labirintite: come curare la neurite vestibolare

La grande crisi vertiginosa che caratterizza l’esordio della labirintite può essere trattata con antiemetici e vestibolosoppressori, i farmaci per ridurre la nausea e il vomito. In caso di infiammazione di origine virale, il trattamento della neurite prevede l’impiego di cortisonici.

Fondamentale è, poi, seguire un percorso riabilitativo per favorire i processi di compenso vestibolare: sostanzialmente movimento e attività fisica di qualunque tipo, non appena regrediscono i sintomi acuti iniziali e le condizioni generali del paziente lo consentono.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Otorinolaringoiatria e Audiologia e foniatria
Vicenza (VI)
Specialista in Audiologia e foniatria e Otorinolaringoiatria
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Otorinolaringoiatria
Benevento (BN)
Specialista in Neurochirurgia
Milano (MI)
Specialista in Otorinolaringoiatria
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Audiologia e foniatria
Vasto (CH)
Specialista in Otorinolaringoiatria
Milano (MI)
Specialista in Otorinolaringoiatria
Termoli (CB)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Otorinolaringoiatria e Chirurgia plastica‚ ricostruttiva ed estetica
Milano (MI)
Specialista in Otorinolaringoiatria
Gela (CL)