Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Labirintite o neurite vestibolare

labirintite o neurite vestibolare
Scritto da:
Prof. Eugenio Mira
Specialista in Otorinolaringoiatria

Largamente diffuso oggi nel linguaggio comune ma non più utilizzato dagli specialisti, il termine "Labirintite" è nato in età pre-antibiotica quando un’otite media poteva complicarsi in una otomastoidite e quindi interessare l’orecchio interno (o labirinto) e da qui evolvere in una meningite.

Oggi il termine corretto è neurite vestibolare, un’infiammazione delle cellule (neuroni) del ganglio del nervo vestibolare (VIII paio dei nervi cranici) dovuta a una riattivazione del virus dell’herpes. Più raramente, soprattutto nei pazienti anziani, la causa della neurite vestibolare è l’ostruzione di una delle piccole arterie (ischemia) che portano il sangue al labirinto o ai nuclei vestibolari.

Come si manifesta la labirintite: i sintomi caratteristici della neurite vestibolare

Il nervo vestibolare fa parte del sistema vestibolare, ossia delle formazioni che partono dai recettori del labirinto dell’orecchio interno e che regolano l’equilibrio statico e dinamico del nostro corpo, oltre che essere responsabili di una chiara visione durante i movimenti della testa. Un loro cattivo funzionamento causa caduta o instabilità, vertigini, nistagmo (movimento oscillatorio involontario degli occhi).

Il quadro clinico più comune della labirintite è caratterizzato da:

  • violenta vertigine a insorgenza improvvisa
  • nausea
  • vomito
  • incapacità di camminare o stare in piedi.

Questi sintomi migliorano gradualmente nell’arco di giorni o settimane anche se possono permanere per mesi una modesta instabilità e lievi e transitorie vertigini.

Labirintite o neurite vestibolare: la diagnosi

Per la diagnosi di labirintite, lo specialista otorinolaringoiatra si avvale innanzitutto dei dati anamnestici, ovvero la storia clinica del paziente. Successivamente, il quadro della sindrome vestibolare acuta è documentabile con un esame vestibolare, con cui lo specialista valuta:

  • l’incapacità nel cammino e nella stazione eretta;
  • la deviazione nella marcia e nelle braccia tese;
  • il nistagmo, che può essere meglio visualizzato con gli occhiali di Frenzel o con una registrazione nistagmografica.

La diagnosi può essere completata con visita neurologica e una Risonanza Magnetica RMN, utili a escludere come causa del disturbo un danno neurologico.

Trattamento della labirintite: come curare la neurite vestibolare

La grande crisi vertiginosa che caratterizza l’esordio della labirintite può essere trattata con antiemetici e vestibolosoppressori, i farmaci per ridurre la nausea e il vomito. In caso di infiammazione di origine virale, il trattamento della neurite prevede l’impiego di cortisonici.

Fondamentale è, poi, seguire un percorso riabilitativo per favorire i processi di compenso vestibolare: sostanzialmente movimento e attività fisica di qualunque tipo, non appena regrediscono i sintomi acuti iniziali e le condizioni generali del paziente lo consentono.

Per approfondire guarda anche: “Vertigini”

Leggi anche:
La sindrome di Menière è una malattia del labirinto ossia dell’orecchio interno; ipoacusia, acufeni e vertigini sono i disturbi caratteristici.
04/01/2018
06/02/2007
TAG: Audiologia e foniatria | Neurochirurgia | Otorinolaringoiatria | Chirurgia
Scritto da:
Prof. Eugenio Mira
Specialista in Otorinolaringoiatria