Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

Oggetto: sclerosi multipla

Oggetto: Sclerosi multipla sospetta!!!!!!!!!!!!!!!!Spett. DottoreSono il marito di una giovane donna che dal 2008 e' stata diagnosticata la sclerosi multipla , ma molti dubbi mi sorgono !!Partiamo dal primo e più importante dubbio , ci siamo recati 3 anni fa' da un neurologo per risolvere un problema alla gamba sinistra ( premesso camminava e correva benissimo), la notte un dolore anzi più che dolore un fastidio che non la faceva dormire bene , questo durava da circa 10 anni . Dopo tutti gli accertamenti ( RM rachicentesi , potenziali evocati e altro)  le diagnosticano la SM , Dubbio ?? Prima del ricovero x accertamenti stava benissimo ( solo il piccolo problema di notte ) uscita dall'ospedale !! Zoppia vertigini formicolii alla mano sx e poi sempre peggio .Secondo dubbio !!!Abbiamo fatto 4 RM e dopo il responso della prima le altre si ripetono identiche senza evidenziare peggioramenti mentre i peggioramenti ci sono stati eccome !! Oggi l'arto superiore e' praticamente immobilizzato l'inferiore si muove a fatica e con spasticità , e necessita sempre di un aiuto x spostarsi o per infilare le scarpe risulta impossibile .Terzo dubbioLe cure !!!Aminopiridina , copaxone , cannabiss , revotril , lexotan , una decina di cicli di cortisone , operazione alle giugulari a Dicembre detta la liberazione col metodo Zamboni( a pagamento naturalmente ) e decine di visite private da neurologi e fisiatri e da 6 mesi con il Tisabry !!!Risultato !!! Niente di niente anzi continua a peggiorare giorno dopo giorno .Ora Vi chiedo , e Vi prego di rispondermiC'è la remota possibilità che stiamo curando il male sbagliato ????Oppure la rachicentesi che ha eseguito potrebbe aver causato non so quale lesione , visto che i problemi sono iniziati quando e' uscita dall'ospedale ( dimenticavo che anno dovuto fare più buchi prima di entrare nella colonna vertebrale )??????Vi prego di rispondermi vi sono veramente gratoCordiali salutiMaurizio
Risposta del medico
Dr. Massimo Barrella
Dr. Massimo Barrella
Specialista in Neurologia
Ho l'impressione che, dopo 3 anni, è difficile che una diagnosi di SM rimanga dubbia, specie se, come purtroppo sembra questo caso, la situazione neurologica abbia continuato a peggiorare. La diagnosi di certezza si basa sulla combinazione di una serie di criteri clinici e strumentali, formulate su base sostanzialmente statistica (tipo: se mi capitano nel mazzo tre regine e un asso, sono sicuro di avere X, se mi capitano solo una regina e un asso, sono meno sicuro ma è probabile che io abbia lo stesso X). Il rapporto tra numero delle lesioni evidenti all'RM e condizioni cliniche reali non è mai lineare e preciso, per cui la discrepanza di cui mi parla non è un'eccezione. Che le terapie attualmente disponibili lascino complessivamente a desiderare è il principale motivo per cui oggi tutto il mondo scientifico continua forsennatamente a studiare questa malattia. La rachicentesi è una pratica relativamente semplice e pressochè innocua: se viene platealmente sbagliata le conseguenze sono immediate e assolutamente evidenti. Non esistono in sostanza "mali oscuri" indotti dalla rachicentesi. Saluti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Neurologia
Prov. di Brescia
Specialista in Neurologia
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Neurologia e Psichiatria
Salerno (SA)
Specialista in Neurologia
Palermo (PA)
Specialista in Neurologia e Neurofisiopatologia
Messina (ME)
Specialista in Neurologia
Prov. di Napoli
Specialista in Neurologia e Fisiatria
Genova (GE)
Specialista in Medicina generale e Neurologia
Rosarno (RC)
Specialista in Neurologia e Farmacologia medica
Termoli (CB)
Specialista in Neurologia e Medicina dello sport
Montesano sulla Marcellana (SA)