03-01-2018

Paura dello psichiatra e di non essere compresa di nuovo

Salve,

Ho da anni sia DA , DOC e Depressione. Circa 5 anni fa mi sono rivolta al CPS per anoressia, purtroppo tolta la psicoterapeuta l'atteggiamento sia della dietista che dello psichiatra mi ha spaventata. A tal punto che dallo psichiatra dopo la prima visita non sono più andata.

E per quei 5 anni mi sono allontanata dal centro. In fondo all'epoca per non essere ricoverata "bastava che prendessi peso" e quindi mi sono rimessa a mangiare, ad abbuffare, Sono ritornata dalla psicoterapeuta qualche mese fa, ma poi avevo mollato, (di nuovo), ora invece vado ogni settimana e a fine gennaio per valutare una terapia e un ricovero, dovrò riandare dallo psichiatra di 5 anni fa .

Da oggi a fine gennaio per me è troppo tempo- La mia intenzione è rivolgermi ad un altro psichiatra per un consulto e chiedo se qualcuno di voi opera vicino alle mie zone.

Grazie in anticipo. Saluti.

Risposta di:
Dr. Emanuele De Vietro
Specialista in Psichiatria e Psicologia ad indirizzo medico
Risposta

Salve,

il percorso terapeutico per questi problemi clinici, richiede una forte motivazione e fiducia nei curanti.

Il paziente è sempre il centro della cura e non solo i sintomi, ma la persona nella sua complessità.

Detto questo l'incontro con terapeuti qualificati ed empatici, come ogni incontro importante nella vita, deve essere con persone che ci danno fiducia e affidamento.

Troverà quello che cerca, appena sarà pronta.

In bocca al lupo

TAG: Disturbi dell'umore | Malattie psichiatriche | Psichiatria | Psicologia | Salute mentale | Terapie