24-01-2006

Percentuali di recidiva

Mia mamma di anni 72 nel 2001 e' stata operata per un Carcinoma mammario con totale asportazione del seno. Il referto medito e' stato il seguente: l'esame istologico ha dato esito a carcinoma duttale infiltrante scarsamente differenziato estero in sede dermo-epidermica; la neoplasia infiltra estesamente il Tessuto adiposo. Presenza di focolaio di flogosi cronica granulomatosa a cellule giganti del tipo da corpo estraneo. Capezzolo esente da infiltrazione neoplastica. Istiocitosi dei seni dei 33 Linfonodi ascellari. G3; pT2NO. Recettori intranucleari per Estrogeni=presenti nell'80% delle cellule tumorali; Progesterone nel 60%. Indice di proliferazione=34%. La mia domanda e' la seguente: a distanza di circa 4 anni dall'intervento (finora tutti gli esami risultano negativi) le probabilita' di ricaduta quali sono? Che tipo di tumore aveva mia mamma? Superati i 5 anni dall'intervento si puo' essere tranquilli per una totale guarigione o ci possono essere sempre dei rischi di ricaduta? Se si in quali percentuali? Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Lo stato menopausale, i recettori ormonali positivi e i linfonodi negativi sono elementi di tranquillità; anche se in medicina non esistono certezze il caso va considerato a minimo rischio. Non è chiaro se è stata instaurata a suo tempo una terapia antiestrogena.
TAG: Oncologia | Tumori