Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

Perché eiaculo precocemente

Salve, premessa fondamentale: ho 37 anni e all'età 10 anni fui operato di varicocele e successivamente di idrocele. A 16 anni mi recai dal mio medico curante perchè mi resi conto che sin dai primi miei rapporti sessuali eiaculavo quasi immediatamente e pochissimo dopo la penetrazione. Il mio medico curante senza farmi fare esami e senza nessuna forma di anamnesi mi prescrisse 15 gocce di xanax prima del rapporto. Purtroppo le gocce di xanax non sortirono nessun effetto e pensando di fare cosa buona aumentai le dosi arrivandone a prendere fino a 30 gocce. Purtroppo niente da fare, eiauculavo ed eiaculo sempre precocemente e oggi a 36 anni sono schiavo di xanax che 0.50 due volte al giorno perchè ne sono diventato dipendente e mi sento male se non lo assumo. Ho provato anche a smettere, dimunuendo poco per volta ma senza nessun risultato.

Circa 10 anni fa mi recai da un andrologo il quale mi consiglio la circoncisione, effettuai l'intervento chirurgico, ero molto fiducioso e confidavo in una risoluzione definitiva del problema, purtroppo il problema non si risolse nemmeno in questo modo ed oggi mi ritrovo ad essere emotivamente frustrato, l'assunzione massiva di xanax mi ha portato ad avere problemi di disfunzione erettile e per avere un'erezione devo assumere almeno 10mg di cialis. Avendole davvero provate tutte, chiedo a voi esperti, se precurox può darmi una mano nella risoluzione del problema, sono davvero sfinito ... e nemmeno la dapoxetina è riuscità a darmi una mano. ora leggo che c'è in giro un nuovo farmaco zertane, ma sono stanco di buttare soldi e restare deluso . Chiedo aiuto

Risposta del medico
Specialista in Andrologia

L' eiaculatio precox che accusa è quella tipica Disregolazione del S.Nervoso simpatico-parasimpatico) in cui si usano antidepressivi triciclici, anestetici locali sul glande e/ o circoncisione,regolazione ormonale. Ritorni da un Andrologo perché nessuno risponde allo stesso modo e provare altri farmaci può essere una soluzione accettabile. L'uso del farmaco da lei menzionato (10mgr) non danneggia l'organismo (vasodilatatore) anzi migliora la perfusione ematica anche altri organi con benefici. F.D.C.

Risposto il: 06 Ottobre 2017
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali