14-03-2017

Persistente area di ipodiafania

Egr. dott. De Bernardi, le riscrivo per quanto segue: diagnosticata polmonite curata con antibiotici, alla 2 lastra (il21/3) di controllo risultava ciò. Rispetto alla precedente persiste, seppur ridotta area di ipodiafania in campo polmonare medio sinistro, riferibile in 1 ipotesi a processo flogistico, in fase risolutiva. Il resto tutto nei limiti.
Il medico mi ha prescritto ulteriore antibiotico, dopodiché mi è sopraggiunto dolore forte e costante all'altezza della scapola sinistra per giorni, alché mi sono recata al P.S.dove mi hanno diagnosticato dolore osteomuscolare toracico. Analisi del sangue per vedere infezioni o infiammazioni erano tutte a posto e cuore tutto bene tranne un lieve scollamento del pericardio. Però nella lastra che mi hanno fatto al P.S. è risultato: rispetto alla prec. del 21 si conferma area di ipodiafania sovrapponibile per estensione ma margini più definiti. Potrebbe trattarsi di un processo flogistico, per cui appare meritevole correlazione con il dato clinico e laboratoristico e ulteriore controllo dopo terapia anche con metodica di II livello.
Che vuol dire? devo riprendere medicine? e mi devo preoccupare? Grazie mille

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

La seconda lastra documentava un iniziale riassorbimento della polmonite. Ha fatto un secondo ciclo di antibiotici. Penso si tratti di una polmonite a lenta risoluzione. Attenda circa 45 gg e poi ripeta la Rx Torace. Se non si vede più nulla, OK; altrimenti dovrà ripetere la TAC ed eseguire visita Pneumologica. Il collega le dirà cosa fare. Cordiali saluti.

TAG: Esami | Malattie dell'apparato respiratorio | Polmoni e bronchi | Radiodiagnostica