Buongiorno, le scrivo riguardo mia madre. Ha sessantanove anni e da tre anni soffre di diarreee ricorrenti dopo l'asportazione di un tetrapoma ovarico e trattamento con metformina per il diabete. Esegue regolarmente ogni due anni test screening di controllo esame delle feci. Due settimane fa è risultato positivo perciò abbiamo fatto una colonscopia dalla quale è risultato un polipo di grosse dimensioni situato vicino alla valvola ilio ciecale polilobato sessile.Sono stati prelevati dei campioni per l'istologico e programmato intervento di rimozione di quest'ultimo e di parte dell'intestino sano a scopo preventivo.Mi chiedo se un polipo cosi grande è automaticamente segno di cancro e considerato che cinque anni fa per l'operazione da me citata prima mia madre aveva eseguito una tac addominale con liquido a contrasto che non aveva rilevato niente di preoccupante, l'esame delle feci due anni fa era negativo, e il tumore dell'intestino di solito procede molto lentamente nella peggiore delle ipotesi fosse maligno ci siano comunque buone speranze di guarigione e sopravvivenza allo stesso.Cortesi saluti