Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

02-10-2006

Preg.mi ed esimi dottori, ho letto la vostra

Preg.mi ed Esimi Dottori, ho letto la vostra risposta alla domenda GG/3I41207: "La più probabile causa dei suoi disturbi è l’ansia, la cosiddetta nevrosi cardiaca. Al giorno d’oggi esistono cure molto efficaci, farmacologiche e non, per cui la invito a rivolgersi ad uno specialista. Prima però è importante escludere una patologia cardiaca: un Ecg ed una visita cardiologica dovrebbero essere sufficienti, ma se volesse essere tranquillizzata al massimo può eseguire un ecocardiogramma, un ECG holter ed una prova da sforzo". Siccome anch'io soffro di tale nevrosi cardiaca, peraltro di cui soffre anche mia madre, che si manifesta con una tensione e un senso di oppressione continuativa al capezzolo sx, sbalzi di pressione, pur non essendo normalmente iperteso, senso di battito accelerato etc..., sono interessatissimo a sapere quali sono queste cure MOLTO EFFICACI, soprattutto quelle farmacologiche, che Voi gentilmente evidenziate, perchè sono veramente ALLO STREMO: ho bloccato volontariamente la mia carriera x questi disturbi, con una promozione già "in tasca" ad alti livelli, e non mi sento mai bene e "in gamba". Ho fatto tutti gli accertamenti (vari ecg, holter, sforzo, ecocardio) e il cuore è a posto. Il Cardiologo mi ha prescritto vagostabil (a base fitoterapica), che era inferiore, come effetto su di me, all'acqua fresca. Il Neurologo mi prescrive antidepressivi (sereupin o efexor) ad effetto ansiolitico, che sono restìo a prendere perchè sicuro che la mia eventuale depressione è secondaria al malessere generato da detta nevrosi cardiaca. Le benzodiazepine mi danno sollievo (tavor), ma dappertutto leggo che non sono curative e non si devono usare x lunghi periodi. Mi potete cortesemente dire in dettaglio quale è questa cura VERAMENTE EFFICACE x la nevrosi cardiaca, chiaramente da far poi presente al mio Curante? Non riesco a capire,infatti, se si "deve" curare il cuore con relativi farmaci, e quindi affidarmi "in toto" al solo Cardiologo, o il sistema nervoso con antidepressivi o ansiolitici, che,a dir la verità,sono assolutamente restìo a prendere, in quanto,ripeto, sono certissimo che la depressione è conseguente a detta nevrosi cardiaca. Faccio presente che ho le ALT a 57 (massimo: 46) e la creatininemia a 1,30 (massimo). Vi ringrazio infinitamente x le PREZIOSISSIME indicazioni che mi darete, ho la MASSIMA FIDUCIA sulla Vostra Scienza e alta preparazione, e colgo l' occasione x farmi i miei Complimenti. Inutile dire che aspetto con ansia le Vostre pregiatissime indicazioni. Grazie ancora! Roberto.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Un approccio corretto ai suoi problemi prevede sia l’uso di psicofarmaci che di farmaci attivi sul cuore. Un altro elemento importante è svolgere una costante attività fisica. Per quanto riguarda i farmaci specifici per il cuore si usano beta-bloccanti selettivi: il tipo ed il dosaggio può sceglierlo il suo medico.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!