L’ESPERTO RISPONDE

Esimi dottori, ho 65 anni e nel dicembre del 2003

Esimi dottori, ho 65 anni e nel dicembre del 2003 ho avuto in infarto (IMA anteriore) a causa del quale sono stato sottoposto a PTCA primaria + stent (mai fumato, nessuna familiarità, niente colesterolo, molta ansia). Con la terapia conseguente a base di antipertensivi, anticoagulanti, statine a quant’altro ho superato la crisi e per i successivi due anni ho praticamente ripreso la mia abituale esistenza dimenticando quasi di essere un infartuato (lavoro, auto, famiglia, ecc.). Esattamente un anno fa, quasi improvvisamente, ho cominciato ad accusare un forte senso di nausea e a perdere peso, oltre a una marcata leucopenia (globuli bianchi 2.8). A causa del mio stato di evidente deperimento organico e di sofferenza per il grave senso di nausea sono stato ricoverato in ospedale e sottoposto alle varie TAC, colonscopia, gastroscopia ed ecografie sempre fortunatamente del tutto negative. Mi hanno quindi dimesso con la diagnosi di probabile intossicazione da farmaci. Il mio cardiologo ha deciso così di modificare la terapia cambiando l’antipertensivo (dal Triatec 5 al Norvacs 5), conservando la cardioaspirina ed eliminando del tutto le statine (Torvast 10 ed Esapent). Forse anche con l’aiuto di un lieve antidepressivo (mezza compressa di sereupin 20) ho ripreso il mio abituale peso e sono praticamente ritornato come nuovo. I globuli bianchi sono ricominciati a risalire sino agli attuali 4.02). Allora tutto bene? Si, se dalle analisi del maggio scorso non si fosse presentato un moderato aumentato del livello di colesterolo, di cui non ho mai sofferto (Tot. 201 – HDL 63 – LDL 111). Per uno che ha avuto un infarto la situazione appariva se non proprio preoccupante quantomeno di allerta. Su consiglio del mio cardiologo ho cercato di migliorare il livello del colesterolo con uno di quei prodotti pubblicizzati in televisione sottoforma di yogurt, ma inutilmente. Attualmente l’esame del colesterolo è ancora peggiorato facendo registrare Tot. 205 – HDL 59 – LDL 133. I trigliceridi sono stazionari sui 150. Riprendere allora le statine? Il mio cardiologo, considerando i precedenti, dice di no, sostenendo che si dà eccessivo peso a questo “povero colesterolo che non sempre merita le negative considerazioni di cui è spesso soggetto” (parole sue). Che fare? Ha ragione il mio cardiologo a non volermi far riprendere le statine? Devo dire che sono un po’ preoccupato. Aggiungo solamente che sono tutt’altro che un gran mangione, almeno tre volte la settimana mangio pesce ed evito i grassi, anche sottoforma di latticini, sono alto 1,70, attualmente peso 61 kg., e quasi abitualmente faccio mezz’ora di tapis roulant al giorno.

Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche

Nella profilassi secondaria (cioè dopo un evento infartuale) l’impiego di una statina è ritenuto utile non soltanto per mantenere nella norma i valori di colesterolo, ma anche per altri vantaggi, quali ad esempio la capacità di stabilizzare la placca ateromasica presente all’interno della coronaria. Tuttavia, esistono pazienti in cui le statine possono indurre effetti collaterali sfavorevoli. E’ sempre utile consigliarsi con lo specialista di... Continua fiducia.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Napoli
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Ancona (AN)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Enna (EN)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Radiodiagnostica
Mazara del Vallo (TP)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Cardiologia
Sanremo (IM)
Specialista in Cardiologia interventistica e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Bari (BA)
Specialista in Cardiochirurgia e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Torino (TO)
Specialista in Medicina interna e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Roma (RM)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Roma (RM)
Specialista in Geriatria e Gerontologia e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Napoli (NA)