Buongiorno a tutti, ho 39 anni, sportivo, ex moderato fumatore da poco, attento mangiatore e scarso bevitore, se non d'acqua.Vi riassumo la mia situazione: all'incirca un mese fa, mi compare una macchia rosa sotto l'ascella sinistra, e allo stesso tempo vengo colto a mio parere, da una forma di bronchite. Ho sofferto di bronchite asmatica fino ai dodici anni e so distinguere i sintomi. La "bronchite dura circa due settimane, al termine delle quali mi compare una seconda chiazza rossa sulla spalla. A seguire diverse altre; vado così a visita da una dermatologa, la quale mi diagnostica la pitiriasi rosea. Pazienza, dico a me stesso, ma nel frattempo la mia attenzione si concentra su altri sintomi: continuo a espettorare la mattina e ad avere una tosse secca la sera. L'espettorato ha colore verde e aspetto denso. Stavo utilizzando sciroppo seki ma mi dico che è meglio interrompere sciroppo e sigarette (questa volta per sempre). La situazione è migliorata; aspetto che le macchie sul corpo vadano via, la mattina ancora qualche colpo di tosse e catarro verde. La sera praticamente nulla. Il naso mi resta chiuso a metà più o meno tutta la giornata. Vado a visita dal mio medico di base, il quale mi consiglia aerosol con aquasal e clenil due volte al giorno. Tassativamente rx o meglio tac del torace appena dopo le feste. Volevo chiedere: quanto posso considerare collegata la pitiriasi ai miei disturbi respiratori? Aggiungo che questa mattina nell'espettorare mi è sembrato di vedere una striatura di sangue. Confesso di essere un pò preoccupato. Grazie in anticipo per la risposta. L.S.