Buongiorno, scrivo per mio padre 70 anni che a settembre ha avuto una prostatite curata con ciclo di antibiotici. Sembrava tutto ok ma i sintomi (urinare spesso e di notte con difficoltà a dormire e disidratazione) sono rimasti anche dopo. A dicembre ha una lieve ischemia (diagnosticata successivamente con risonanza magnetica) con conseguente gamba... Leggi di più destra formicolante, difficoltà nell'equilibrio e disartria. Inizia cura farmacologica, ma a distanza di mesi la cura non ha effetti anzi c'è un peggioramento e sintomi come dolore ai reni e l'urinare spesso rimangono. Il neurologo ritiene che la diagnosi iniziale e la cura era errata e probabilmente si tratta di un problema di prostata. In pratica l'infezione non curata o curata male con antibiotici a settembre non ha sradicato il problema e anzi i batteri di sarebbero propagati arrivando a dare sia i problemi di disartria che di deambulazione. Questo è possibile? Una visita urologica può essere sufficiente a capire quale sia il problema e finalmente risolvere o servono altri tipi di accertamenti? Grazie