L’ESPERTO RISPONDE

Puntura accidentale con ago e rischio contagio

Buongiorno, purtroppo 10gg fa in spiaggia sotto l'ombrellone, mi è entrato nella pianta del piede un ago di quelli da insulina (circa 3cm). Premetto che ho visto solo l'ago con il cappuccio trasparente e non appena, dopo un dolore fortissimo, ho alzato il piede ho provveduto a togliermelo immediatamente in quanto una parte dell'ago mi ha bucato la pelle entrando all'interno lasciando un buchino rosso che tutt'ora è visibile e con conseguente dolore.Subito dopo sono corsa in mare poi di nuovo sotto l'ombrellone per lavarmi il piede con acqua fredda, forse lì per lì nemmeno sanguinava ma ho preferito, come si fa per le punture di api, iniziare a strizzarlo un pochino con fuoriuscita leggermente di sangue, poi l'unica cosa che avevo di disinfettante (amuchina per mani) ce l'ho messo immediatamente.Ora alla luce di questo vorrei sapere, a quali rischi posso andare incontro? Ho chiamato subito il mio medico che mi ha consigliato immediatamente di fare antitetanica, cosa che fortunatamente avevo fatto a febbraio 2016, poi tra 15 gg di fare analisi complete Hiv, epatite ecc. Sono preoccupatissima, non mi sembra di aver riscontrato sangue nel cappuccio dell'ago e mi hanno detto che il virus dell'HIV muore dopo pochi minuti fuori dal corpo umano. Premetto che mi è successo circa alle 15 e noi già eravamo lì dalle 12, .ma comunque fin dalle prime ore della mattina la spiaggia è affollata di persone quindi perlomeno credo che l'ago minimo sia stato lì dalla notte prima. Un'ultima cosa, pensate che amuchina possa aver aiutato in qualche modo? Perché ho letto sopra le indicazioni che è un antisettico anche per virus influenzali, Hiv, Hbv e Hbc.Scusate se mi sono dilungata ma essendo molto preoccupata, volevo esporre al meglio il problema. Un'ultima domanda: quali sono i tempi per fare tutte le analisi del caso così da poter escludere l'infezione di virus HIV, HBV e HCV? Cordiali saluti.

Risposta del medico
Specialista in Malattie infettive
Buonasera,
il rischio di aver contratto infezioni da HIV e HCV è estremamente basso, mentre è un po' più alto per HBV poiché è più resistente all'ambiente esterno. Gli esami vanno eseguiti a sei mesi dall'incidente per HBV e HCV mentre per HIV i nuovi test sono conclusivi anche molto prima.
Cordiali saluti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Epatite E: che cos'è e come avviene il contagio
Epatite E: che cos'è e come avviene il contagio
1 minuto
Epatite B: rompere il ciclo di trasmissione da madri a figli
Epatite B: rompere il ciclo di trasmissione da madri a figli
1 minuto
Epatite B: la vaccinazione non è tutto!
Epatite B: la vaccinazione non è tutto!
2 minuti
West-Nile virus: sintomi e trasmissione
West-Nile virus: sintomi e trasmissione
1 minuto
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Palermo (PA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Siena (SI)
Specialista in Malattie infettive e Gastroenterologia
Specialista in Malattie infettive e Gastroenterologia
Prov. di Avellino
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie infettive e Gastroenterologia
Bitonto (BA)
Specialista in Malattie infettive e Gastroenterologia
Prov. di Brescia
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Prov. di Napoli
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Prov. di Roma
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Prov. di Napoli